FRESU, CAINE E DI BONAVENTURA reinterpretano ROSSINI


La prima della Petite (jazz) messe solennelle in novembre a Pesaro 

Sabato 16 novembre alle 21 al Teatro Rossini di Pesaro, in occasione delle Celebrazioni dell’anniversario della morte di Gioachino Rossini, verrà eseguita in prima assoluta la Petite (jazz) messe solennelle, rilettura dell’ultimo capolavoro del compositore realizzata appositamente per il Rossini Opera Festival da un trio composto da alcuni dei più importanti musicisti jazz contemporanei: Paolo Fresu (tromba, flicorno, effetti), Uri Caine (pianoforte) e Daniele Di Bonaventura (bandoneon).

I biglietti (da 10 a 35 euro) sono già disponibili online su http://www.vivaticket.it e alla Biglietteria del Teatro Rossini (Tel. 0721 387621 / 387620) dal mercoledì al sabato, dalle 17.00 alle 19.30 e, il giorno del concerto, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 21.00.

Così spiega il progetto Paolo Fresu: “Se da una parte l’idea è quella di portare la Petite messe solennelle verso il contemporaneo, dall’altra c’è l’esigenza di rispettare e mantenere la sua sinossi originale grazie a un attento lavoro di riesecuzione e riscrittura. I tre strumenti interpretano la partitura rossiniana con rigore ma, nel contempo, suggeriscono nuove vie utilizzando i linguaggi improvvisativi e gli strumenti inusuali come la tromba, il flicorno e il bandoneon che sostituisce l’harmonium della partitura originale”.

 

Barbara Mancia

Ufficio Stampa Amat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.