“Siamo tutti disinformati”

Questa presentazione richiede JavaScript.

Intervento di Pier Stefano Fiorelli Presidente Confesercenti Pesaro e Urbino e Giorgio Bartolini Direttore Confesercenti Pesaro Urbino

Confesercenti ama Fano, tanto che per decenni ha investito molti soldi e molto lavoro per organizzare manifestazioni che hanno contribuito alla crescita dell’immagine turistica della città e all’evoluzione della ristorazione locale, anche in termini economici.

Quindi Confesercenti si ritiene a tutti gli effetti azionista della città. Abbiamo riconosciuto che Fano, grazie alla sua Amministrazione, a e agli altri protagonisti che in questi anni, insieme con noi, hanno dato vita ad eventi di spessore (Passaggi Festival, Fano dei Cesari, Carnevale, Fano Jazz ed altri), ha gettato le basi per dotarsi finalmente di una dimensione di città turistica. Siamo convinti che sia la strada giusta ed è per questo che ci preoccupa molto la notizia improvvisa che a Fano è previsto un impianto di raccolta e trasformazione dei rifiuti organici di tutta la provincia.

E’ possibile che la preoccupazione derivi anche dalla mancanza di notizie e dati precisi, ma riteniamo che  mettere a conoscenza imprese e cittadini di un progetto di tale rilevanza, sia un dovere primario dell’Amministrazione. Riteniamo che coloro che hanno investito ed investono nel turismo debbano essere esaurientemente informati.

Quale sarà l’effettivo risparmio sulle bollette per le imprese? Qual è la convenienza che avrà la città nel raccogliere i rifiuti di tutti gli altri comuni? Nelle casse comunali entreranno soltanto 300.000 euro all’anno come è stato detto? Quante tonnellate di rifiuti organici produce Fano? Quante ne produce la provincia? Quante tonnellate di rifiuti organici servono perché l’impianto si sostenga economicamente e perché ne sia garantita la corretta manutenzione? Quale sarà l’impatto sulla viabilità con il viavai di mezzi carichi di organico che arriveranno a Fano da tutta la provincia? Quanti camion al giorno sono previsti? Sono stati quantificati, e su chi peseranno, i costi che necessariamente dovranno essere affrontati alla fine del ciclo di vita dell’impianto per lo smantellamento e la bonifica dell’area interessata?

Queste sono solo alcune delle domande che noi, e presumiamo anche tutti i cittadini di Fano, ci poniamo.

Ci sono questi numeri? E se non ci sono, su che base i consiglieri comunali decideranno il da farsi?

Confesercenti chiede prima di tutto un confronto con l’Amministrazione comunale dove venga fatto ciò che l’Amministrazione non ha fatto finora cioè informare sul progetto le imprese e i cittadini tutti.

Siamo preoccupati, solo perché siamo disinformati?

 

 

CONFESERCENTI PESARO URBINO – Ufficio Stampa

Via Salvo D’Acquisto, 7 – 61121 PESARO

http://www.confesercentipu.itinfo@confesercentipu.itFacebook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.