E’ in corso in Piazza del Popolo fino a domenica 6 ottobre la 65esima edizione della Mostra mercato dei fiori e delle piante ornamentali

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Inaugurata venerdì 4 ottobre alle 10.30, la Mostra Mercato dei fiori e delle piante ornamentali, organizzata dal comune di Pesaro, è giunta alla 65^ edizione. Al taglio del nastro l’assessore al Territorio con delega alle Attività Economiche Riccardo Pozzi.

Novità di quest’anno “Il Giardino delle farfalle” proposto dal Garden Clivia. Ricreata in centro un’area ottimale per attirare le farfalle (piantumazione con erba, tettoia con pianta di mori, corso d’acqua  e una piccola collina per ricreare un dislivello).

“Abbiamo inserito nel format che funziona, alcuni elementi di novità: grazie a Beatrice Pantanelli del Giardino di Santa Maria, regaliamo 1000 bulbi ai bimbi che fioriranno ad aprile e saranno un regalo per la città ogni anno” così l’assessore al Territorio con delega alle attività Economiche Riccardo Pozzi.

Durante l’inaugurazione sono stati quindi regalati ai bambini delle scuole della città, 1000 bulbi  che verranno piantumati al parco Miralfiore sabato 5 ottobre, dalle ore 14.30, nell’ambito della manifestazione “A piedi nel parco. Il piacere della scoperta”.

Tra gli appuntamenti, nel pomeriggio di sabato 5 ottobre, nell’atrio del palazzo comunale di piazza del Popolo, dalle ore 16,00 alle 20,00 si esibirà il pianista Riccardo Maria Ricci con un pianoforte a coda.

In piazza del Popolo si potranno acquistare piante ornamentali e fiori di ogni tipo, da quelli più comuni ai più rari e pregiati.

Le bancarelle

21 bancarelle sono dedicate anche alla vendita di tartufi, vasi e pentole in terracotta. Sotto il portico di Palazzo Ducale sono allestiti tre stand di miele e tre di ceramica artistica pesarese.

L’istituto Benelli di Pesaro presenta i propri prodotti di bellezza a base vegetale , in particolare creme e saponi, regalando campioncini. L’istituto Cecchi invece espone vini e piante. I due istituti hanno in progetto una filiera corta, il Cecchi fornirà essenze con le quali gli studenti  del Benelli lavoreranno alla loro linea dedicata alle piante dal nome “ Bellezza al naturale”, lo hanno annunciato i due docenti Stefano De Angelis (Cecchi) e Mauro Olivetti (Benelli) .

Anche quest’anno torna alla sala Laurana di Palazzo Ducale, la mostra “Bonsai Pesaro 88” fino domenica (9.30-13 e 15.00-22.00). “Il club di Pesaro è uno dei primi d’Italia, quest’anno la mostra è tutta in stile giapponese” così Lorenzo Gimelli e Olivio Dominici (fondatore) del club “Bonsai Pesaro 88” .

In via San Francesco sono presenti alcuni espositori di arredamento da giardino e da esterno.

Menù e cocktail a tema

Il comune di Pesaro ha invitato i bar a proporre cocktail a base o con i fiori, i ristoranti un  piatto, a prezzo promozionale.

Ecco le adesioni giunte ad oggi: Caffè Ducale, Casetta Vaccai, Centralino, Poche Bobe, Amo,  Astra Caffè, Caffè Barrier, Grà (chi volesse partecipare può contattare la segreteria dell’Assessorato 0721387211).

Il contest la vetrina in fiore

Per i negozianti della città la proposta è ad allestire vetrine in occasione della festa dei fiori. Le vetrine sono a cura degli esercenti, l’Amministrazione comunale ha fornito una locandina con la grafica dell’evento ritirabile allo Sportello Informa&Servizi. La vetrina più bella sarà premiata; per partecipare al concorso occorre inviare le foto delle vetrine a  concorsovetrinepesaro@gmail.com, oggetto vetrine Festa dei Fiori.

 

A cura di Rosalba Angiuli

Foto Danilo Billi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.