Pesaro tirata a lucido per Pasqua!


E’ passato del tempo dalla festività del Natale 2018, segnata a Pesaro da un duro fatto di sangue, compiuto poco prima dell’ora di cena, per mano di sicari venuti da lontano per prendersi la vita del fratello di un collaboratore di giustizia, nella centralissima via Bovio, la via di Sante, dove molti di noi, più di una volta, sono andati a festeggiare ricorrenze, o solo a mangiare del buon pesce in compagnia.

La comunità pesarese dopo essersi sentita nuda, insicura e paralizzata da un fatto che in breve tempo ha fatto il giro delle cronache italiane, ha comunque trovato la maniera di reagire, rimboccandosi le maniche ed espellendo quei proiettili che l’avevano lacerata.

La vita, si sa, va avanti, e la nostra città si presenta a questo appuntamento Pasquale, che precede di poco l’inizio dell’esodo primaverile-estivo verso la zona mare, in buono stato, come ad esempio la zona della Palla di Pomodoro totalmente tirata a lustro, oppure a livello commerciale con giovani imprenditori che hanno puntato sulla creazione di nuovi locali, molti dei quali nel ramo della ristorazione, che poi è anche sinonimo di aggregazione.

Mentre, con l’avvicinarsi sempre più imminente dell’elezione del nuovo sindaco, i vari candidati si stanno facendo largo sulle cronache cittadine cercando di esporre fino alla fine i loro progetti per una città sempre più futuristica e all’avanguardia, dove la parola d’ordine di tutti i partiti sembra essere quella di dare la priorità alla sicurezza di noi cittadini.

Sarà proprio cosi? O saranno le classiche promesse da marinaio? Noi siamo convinti che questa volta ci sia, a prescindere da chi vinca, una voglia di lavorare per il bene di Pesaro che sembra vera e genuina, come ha dimostrato di aver lavorato dopo questi lunghi 5 anni tutta la giunta Comunale uscente, fra chi era alla maggioranza o chi all’apposizione.

Ovvio i problemi di sempre non scompariranno in un batter di mani, anzi questa Pasqua ci regala anche una Pesaro, per certi versi, che ogni anno presenta sempre gli stessi annosi e noti problemi degli scorsi anni, come il famoso ripascimento delle scogliere di Ponente e Levante che alla prima mareggiata farà giustamente infuriare i bagnini, l’ex Amga è ancora lì zeppa di cemento e non di verde, al parco Miralfiore, come nell’area intono alla stazione, il giro di spaccio legato quasi sempre a extracomunitari, è sempre bello vivo, mentre il pesarese medio si sfoga sempre più acidamente su Facebook. Ma cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno, ricordiamoci anche che fra poco è estate e tutti i pensieri saranno se tirerà libeccio o scirocco.

Godiamoci, dunque, questa Pasqua e auguriamoci che i tanti turisti spendano qui da noi, avamposto delle Marche, i loro bei soldoni, e facciano girare un po’ di economia.

W Pesaro

Danilo Billi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.