Vandalismi nella notte: Ancora biciclette danneggiate o lanciate in acqua

Continuano le nottate brave, probabilmente di gruppi di adolescenti che, fin dalla scorsa estate, avevano mostrato di avere una vera passione nel bistrattare dapprima le nuove mobike che, a quasi un anno di passaggio, erano approdate anche a Pesaro, facendone oggetto di loro raid notturni nelle spiagge pesaresi che collegano Pesaro a Fano. Le bici in affitto messe a disposizione del Comune di Pesaro ai cittadini e turisti venivano ripetutamente abbandonate al di là delle rete che delimita la ciclabile dal tratto ferroviario, o peggio ancora gettate in mare. Per cercare di combattere questo problema, la scorsa estate era sceso in campo anche l’ex Consigliere Comunale Luca Bartolucci, con le sue ronde del sabato sera e il problema sembrava essere stato debellato. Ma si sa che, specie in inverno, con gli stabilimenti balneari chiusi e pochi controlli sulla battigia, i vandali sono tornati a colpire. Nel mirino questa volta non solo le  mobike, ma bici rubate in giro per la città, a gennaio di quest’anno anche diversi lettori del gruppo Pezaro e l’emittente Radio Incontro di  Pesaro, avevano postato diverse due ruote visibilmente danneggiate e abbandonate nei pressi di Bagni Ridolfi e Bagni Roby, in altre occasioni i vandali erano andati oltre al danneggiamento fisico operato sul telaio delle bici, tornando a gettarle nel mare, come testimonia questo scatto di un mese fa ad opera di Barbara Uguccioni.

Di questa mattina la notizia di un nuovo raid, questa volta nel tratto di spiaggia libera fra Pesaro e Fano, dove sono state gettate sempre in mare a pochi passi della battigia altre 3 due ruote, tanto amate dai pesaresi, probabilmente anch’essi rubate.

Un fenomeno purtroppo tutt’altro che assopito e che mette in luce un disagio mentale e comportamentale di chi compie questi ripetuti atti, con l’aggravante, a dispetto delle mobike, prese in affitto attraverso l’utilizzo dell’app, del furto, probabilmente in stazione, dove quasi ogni giorno si registrano segnalazione di velocipedi spariti.

Si spera sempre che le cose possano cambiare e in caso di movimenti sospetti, in attesa che gli stabilimenti balneari di Ponente e di Levante aprano i battenti per la nuova stagione turistica, sarà il caso di segnalare alle autorità preposte, eventuali movimenti di capannelli di ragazzi che magari prendono la via del mare trascinandosi con sè delle biciclette, potrebbe essere la volta buona per cogliere con le mani nella sacco gli autori di questi disdicevoli e tristi fatti vergognosi.

Danilo Billi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.