Otto marzo, Ricci: “Cultura maschilista da combattere con l’aiuto dei ragazzi”

Il sindaco agli studenti del Campus: parità di genere ancora lontana, restano ferite profonde

 

PESARO – «Ci sono motivi validi per ribadire l’importanza dell’8 marzo», dice Matteo Ricci, davanti agli studenti del Campus radunati nell’auditorium dell’Università dell’età libera. Perché «negli ultimi decenni – spiega il sindaco – sono stati fatti passi avanti. Ma i numeri  dimostrano che ancora la parità di genere non c’è. Specialmente nei ruoli apicali e di vertice, nelle figure che dirigono la società e la comunità». Esempi: «La parità c’è tra gli insegnanti, ma non tra presidi o rettori. Manca ancora nel mondo delle imprese. E anche nei livelli istituzionali, nonostante le garanzie introdotte, siamo ancora lontani». Quindi: «C’è un lavoro enorme da proseguire sul tema delle pari opportunità». L’ulteriore considerazione del sindaco, affiancato dall’assessore Giuliana Ceccarelli, è che «restano tuttora ferite profondissime. Anche questa mattina leggiamo di altri femminicidi nel Paese. Nella società c’è una cultura maschilista da combattere, in primis dagli uomini». Quella in cui «la donna viene vista come un oggetto di proprietà. E quindi non ti può lasciare. E’ un meccanismo che purtroppo sfocia spesso nella violenza. Anche in quella domestica e quotidiana. Dobbiamo estirpare culturalmente questa concezione distorta, con il contributo dei ragazzi». Giusto, inoltre, riflettere nella ricorrenza dell’8 marzo, «perché abbiamo donne coraggiose, competenti, tenaci, innovative. Che fanno cose straordinarie, come Sara Manisera e Arianna Pagani (la giornalista e la fotografa autrici del docufilm “Donne fuori dal buio – la storia di quattro donne dei territori più significativi dell’Iraq”, protagoniste dell’incontro con gli studenti, ndr). Grandi esempi di impegno in campo umanitario per le nuove generazioni. Figure da valorizzare sempre», conclude Ricci.

 

  (f.n.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.