Una “Cultura Liquida” che vada verso le Persone

Si è svolta oggi, nella Sala Rossa del Comune di Pesaro, la prima delle Conferenze Stampa a tema che illustreranno il Programma Elettorale della Lista Civica “Una Città in Comune”.

“Abbiamo scelto di lavorare per Gruppi, dove ognuno porta il suo sapere per costruire una parte del programma con cui ci presentiamo alla Città. Oggi illustriamo il tema della Cultura” ha spiegato in apertura Enzo Belloni, fondatore della Lista, seduto al tavolo insieme a Massimiliano Santini, Consigliere eletto per la Lista nella precedente votazione amministrativa, affiancato dalle prime due candidate alle votazioni 2019 presentate ufficialmente in questa occasione, le professoresse Camilla Murgia e Francesca Matacena, accompagnate da Laerte Sorini, professore all’Università di Urbino, consulente del Gruppo di Lavoro.

Cosa si intende per “Cultura”?

Secondo la Lista Civica “Una Città in Comune – Enzo Belloni”, Cultura significa valorizzare il patrimonio umano, architettonico, artistico che ci circonda.

“Noi puntiamo ad una Cultura vicina alle persone, pienamente fruibile da tutti. La Cultura deve “muoversi” verso le persone, verso le nuove generazioni, affinché possano diventare ambasciatori della città verso l’esterno – ha dichiarato Camilla Murgia durante la conferenza stampa -. Noi puntiamo a mettere a sistema tutte le risorse, per renderne più facile e più ordinata possibile la fruizione massima”.

“Ci piace pensare che Pesaro possa essere davvero una città internazionale – ha detto poi Francesca Matacena – capace di accogliere chi è attratto dai nostri valori. Ad esempio pensiamo a chi ha studiato musica e vuole conoscere meglio la città di Rossini, come anche chi è andato a studiare all’estero e torna per comunicare il suo sapere. Puntiamo ad accogliere questi “turisti speciali” in spazi dove possano mettere a disposizione la loro conoscenza, luoghi dove si possano esercitare, esibire, dove ci possa essere uno scambio di saperi, di capacità, di cultura, di esperienza tra loro e i nostri giovani, perché anche noi abbiamo artisti validissimi che devono essere scoperti e valorizzati. Ci piacerebbe creare una sorta di “Casa della Musica”, diffusa sul territorio, che passi anche attraverso tutti i quartieri, per non creare divisione tra centro e periferia. Un luogo dove si possa animare una programmazione lungo tutto l’anno, andando oltre la settimana rossiniana, che resta il faro di tutta la nostra stagione culturale”.

“E’ l’applicazione sul campo di quella che il nostro Gruppo di Lavoro ha voluto chiamare “Cultura Liquida”, una sapere multiforme che deve andare verso le persone. Esporre un quadro, bello o brutto che sia, non è cultura. Riuscire a spiegarlo, suscitare curiosità, inserirlo in un contesto, fare venire voglia di saperne di più è la Cultura che noi vorremmo coltivare” ha spiegato infine Sorini.

 

Massimo Fiorentino, per Lista Civica “Una Città in Comune – Enzo Belloni”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.