Terzo incontro del ciclo Migrazioni nel tempo

Nell’ambito del ciclo Migrazioni nel tempo, giunto al terzo appuntamento, il liceo “T. Mamiani” di Pesaro e la Società pesarese di studi storici propongono per venerdì 22 febbraio 2019 alle ore 17,30 nella sala convegni di palazzo Ciacchi (via Cattaneo, 34 – Pesaro) una conversazione di Fabrizio Battistelli sul tema

Fronti, frontiere, affrontamenti

Il fatto che il pianeta sia oggi un succedersi di fronti di guerra esaspera, e nello stesso tempo svuota, il concetto di frontiera. Da un lato gli Stati-nazione – in testa i governi dell’Europa dell’est – rafforzano con caparbietà le frontiere mediante trincee di filo spinato e muri di cemento; dall’altro la tenuta materiale e simbolica di questi ostacoli viene quotidianamente sfidata da masse di profughi animate dalla forza della disperazione, in fuga dalle violenze, dalle distruzioni e dalla morte (sebbene, talvolta, finiscano proprio per incontrare quest’ultima sulla via di fuga). Pur riconoscendo tra le cause dell’emigrazione l’enorme peso del sottosviluppo (disoccupazione, fame, siccità, carestie, ecc.), non va taciuta la specificità delle cause belliche e la caratterizzazione di coloro che, subendone l’impatto, chiedono asilo in Occidente. Il ruolo delle guerre nelle dislocazioni di popolazione nel secondo decennio del XXI secolo emerge in modo incontrovertibile dalla nazionalità dei profughi, i cui gruppi più numerosi provengono proprio da paesi devastati da una guerra civile lunga e sanguinosa: Siria, Afghanistan e Somalia.

Fabrizio Battistelli, ordinario di Sociologia all’Università di Roma “La Sapienza”, dove ha diretto il dipartimento di Scienze sociali ed economiche, è presidente dell’Istituto di ricerche internazionali Archivio Disarmo, che si occupa di relazioni internazionali e di gestione non-violenta dei conflitti. Presidente dell’Ente Olivieri di Pesaro, è autore di numerosissimi studi sui temi della pace e della guerra, tra cui Gli italiani e la guerra (2004), La fabbrica della sicurezza e Manuale di sociologia militare (2008), La sicurezza e la sua ombra. Terrorismo, panico, la costruzione della minaccia (2016), I sentieri della sociologia. Compendio di storia del pensiero sociologico (2018); tra questi ricordiamo la curatela della rivista “Sicurezza e scienze sociali”, 1/2016, da cui prende titolo la conferenza di oggi. È anche autore di una fortunata serie di romanzi storici centrati sul personaggio settecentesco di Riziero di Pietracuta.

La cittadinanza è invitata

 

Riccardo Paolo Uguccioni

presidente

Società pesarese di studi storici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.