Secondo appuntamento letterario del ciclo di conferenze DAL PARADISO PERDUTO DI MILTON A 2001 ODISSEA NELLO SPAZIO DI KUBRICK

Tanta gente per ascoltare il giornalista Paolo Montanari e l’attore Franco Andruccioli nel secondo appuntamento letterario del ciclo di conferenze DAL PARADISO PERDUTO DI MILTON A 2001 ODISSEA NELLO SPAZIO DI KUBRICK. La rassegna si svolge nella sala Rossa del Comune di Pesaro. Tema di questo incontro LA COMMEDIA UMANA DI BALZAC, con introduzione critica di Paolo Montanari e letture di Franco Andruccioli. L’iniziativa culturale è organizzata da Assonautica di Pesaro e Urbino e Associazione culturale Pelasgo968. La Commedia Umana è il capolavoro del realismo nella letteratura francese e lo stesso Balzac volle mettere il nome di Comedie Humaine per rendere omaggio alla Commedia di Dante. Si tratta di un poema letteraio di 137 libri, scritti, annotazioni che svolgono una panoramica sulla società francese della prima metà del 1800 sutto il regno dei Luigi Filippo. E proprio perchè analizza i sentimenti (Amore e Passione), la società, la psicologia dei personaggi che Engels definì la Commedia Umana del conservatore Balzac più importante di un trattato di economia-politica. Anche grandi letteratura francese, Zola, Flaubert, si entusiasmarono per quella forma realistica narrativa, che poi gli stessi svilupperanno nel cosidetto Naturalismo francese. Vi è poi anche una influenza del romanzo di Balzac con la letteratura inglese, in Dickens dove è però più forte l’esigenza sociale e i contrasti all’interno della società britannjca e Walter Scott, da cui Balzac riprende la struttura narrativa. Anche i romanzi di Dostoevskji risentono del clima salottiero francese che frequentava Balzac. In particolare il romanzo Il Giocatore del grande scrittore russo, risente delle atmosfere borghesi e pregiudizievoli di una Parigi da Ancien Regime. Ma è con Flaubert, il più rivoluzionario degli scrittori francesi dell’Ottocento che il confronto con Balzac diviene più evidente: In Balzac non vi sono figure come Madame Bovary, dove l’anticonvenzionalità è talmente evidente, da creare un sparti acque nel romanzo europeo, però ci sono certi personaggi come Papa Goriot, che vengono emarginati dalla società che frequentano e rimangono soli, circondati da figlie e persone interessate al suo patrimonio.

PAOLO MONTANARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.