Leggere, leggere….. riflettere, rubrica editoriale a cura di Paolo Montanari

E’ uscito di recente un bel saggio di Costantino D’Orazio dal titolo CARAVAGGIO SEGRETO – I misteri nascosti nei suoi capolavori (Sperling & Kupfer editore). D’Orazio, noto storico dell’arte e curatore presso il MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma, ci ha già abituato a percorrere la vita di grandi personaggi e ci riferiamo al fortunato saggio LEONARDO SEGRETO, che quest’anno per le celebrazioni leonardiane, sarà sicuramente recuperato da tanti lettori appassionati Ora con CARAVAGGIO SEGRETO, l’autore si pone la domanda: ma chi era davvero il pittore maledetto lombardo? Sono ancora molti i misteri che aleggiano intorno alla figura sfuggente e controversa di Michelangelo Merisi. Per far luce sulle ombre che circondano l’artista, D’Orazio ne rilegge i capolavori in una nuova chiave: Caravaggio non dipinge per soldi o passione, ma perché mira alla conquista dell’immortalità. Caravaggio segreto ci regala un viaggio nel tempo per rivivere le atmosfere dell’epoca e scoprire i giochi ingannevoli di prestigio che il pittore usa per nascondere significati più profondi all’interno delle sue opere. Se in questi giorni di celebrazioni si susseguono notizie, fra le bufale e notizie serie e documenta su Leonardo, l’ennesimo libro su Caravaggio, potrebbe far storcere il naso agli appassionati d’arte. Ma è lo stesso Costantino D’Orazio a chiarire l’obiettivo del suo saggio: vorrei che il mio libro fosse uno strumento per chi ama Caravaggio e vuole capirlo al primo sguardo, come una persona che si conosce da tempo. Senza dover sbattere la testa su manuali di storia dell’arte o testi scientifici e perdersi in complicati riferimenti incrociati. Leonardo da Vinci è un genio a trasformare i suoi dipinti in veri e propri cruciverba. In Caravaggio le scene che appaiono nelle sue tele, prima di essere racconti sacri o immagini pagane, sono brani di realtà. Anche l’intervento divino diventa un fatto concreto. Le sue figure, anche religiose, sono rivolte a tutti ma hanno la caratteristica di trasmettere emozioni. Ogni dipnto di Caravaggio è un saggio di ambiguità. Mai fermarsi alle apparenze. Basta osservare con attenzione le fisionomie dei suoi modelli , il loro abbigliamento e i loro gesti per svelare i misteri del pittore. Segreti che nasconde tra le pieghe delle sue pennellate, incise come graffi sulla tela. Un pittore regista Caravaggio che fa dei suoi personaggi, attori di un film in cui dominano i chiaro scuri, la disperazione, la sofferenza e la contempalzione. E quindi il lettore troverà dopo un alone di stupore frammista all’emozione, la concretezza della vita quotidiana.

PAOLO MONTANARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.