Un incontro sull’attualità dell’enciclica Humanae Vitae

Prendendo come riferimeneto il saggio di Martin Linner, religioso dell’Ordine dei Servi di Maria, dal titolo CINQUANT’ANNI DI HUMANAE VITAE, la Società Operaia di Mutuo Soccorso sezione di Pesaro, presidente dottor Emilio Melchiorri e l’addetto culturale del Soms Paolo Montanari organizzano per martedì 15 gennaio ore 17,00 nella storica sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso, in via Cairoli n.53, un incontro sull’attualità dell’enciclica Humanae Vitae, a 50 anni dalla sua promulgazione avvenuta il 25 luglio 2018, da parte di san Paolo VI sul tema della procreazione. Per trattare di questo delicato ma sempre attuale argomento, terrà una riflessione il professor don Massimo Regini, docente di Morale. La relazione sarà preceduta dalla presentazione del presidente Emilio Melchiorri ed una introduzione di Paolo Montanari. Per decenni il documento Humanae Vitae ha suscitato discussioni assai controverse. San Giovanni Paolo II, allora pontefice, cercò di smorzare le polemiche sempre in corso, anche con provvedimenti disciplinari, sulla valutazione morale dei metodi di regolazione della natalità. Dubbi che si sono sviluppati anche in seno al mondo cattolico. E fa parte del dramma controverso che Humanae Vitae, il fatto che subito dopo la pubblicazione questa sia stata qualificata come enciclica della pillola e ridotta al divieto dei metodi non naturali nel controllo delle nascite. Dopo un’assenza di giudizio normativo di Papa Benedetto XVI sul documento, è stato Papa Francesco, che scegliendo la strada del consenso sinodale, ha promulgato il documento Amoris laetitia, per la riscoperta di Humanae Vitae e l’incoraggiamento a ricorrere per la regolazione delle nascite ai metodi naturali. Si può supporre che con i sinodi dei vescovi del 2014 e 2015 e con Amoris laetitia si siano disinnescati ed esauriti i decennali controversi dibattiti sulla dottrina normativa del documento, consentendo finalmente uno sguardo libero su alcune questioni di particolare rilevanza dell’enciclica. Il prof. Regini ripercorrerà le alterne vicende storiche che hanno portato al documento magisteriale, che a tratti rammentano la trama di un giallo. Sebbene i rispettivi archivi vaticani non siano ancora accessibili al pubblico, la genealogia dell’enciclica si lascia costruire in maniera dettagliata.

L’ADDETTO CULTURALE SOMS
PAOLO MONTANARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.