Oliveriana, Ricci: “Grande progetto per il museo archeologico”. Con foto

  

Questo slideshow richiede JavaScript.

La prima giunta dell’anno nella sede dell’Ente Olivieri. Condiviso il disegno per l’allestimento con il nuovo cda: il 22 gennaio l’assegnazione del primo stralcio di interventi per 265mila euro

 

 

PESARO – Matteo Ricci sceglie l’Oliveriana per l’incipit annuale della giunta comunale. Prima l’esame delle delibere all’ordine del giorno nel tardo pomeriggio, insieme al vice Daniele Vimini e agli assessori. Poi l’incontro con il presidente del nuovo cda dell’Ente Olivieri Fabrizio Battistelli, affiancato dai consiglieri Anna Cerboni Baiardi, Camilla Falcioni, Marcella Tinazzi, Enrico Capodaglio, Marco Rocchi, Maria Chiara Mazzi, Marcello Smarrelli e Costanza Raffaelli. Sul tavolo la condivisione del progetto di allestimento del museo archeologico, funzionale alla riapertura. «Bellissimo», commenta il sindaco, al termine della presentazione curata da Simone Capra (Studio Startt) e Chiara Delpino (Soprintendenza). «Colpisce il senso del racconto della Pesaro archeologica. E’ un disegno che tiene insieme l’esigenza di fruizione degli spazi e l’importanza dei reperti», osserva Ricci. Più in generale, «più che buono il clima: il presidente e i consiglieri sono molto motivati. Abbiamo cominciato a confrontarci sulle cose da fare. Faremo un piano di investimenti pluriennale. Mentre sulla parte corrente, programmando insieme le iniziative, possiamo ottimizzare parecchie risorse. Così come sul personale». C’è poi il capitolo delle sponsorizzazioni, «che possiamo cercare insieme». Insomma: «Si può fare molto bene. In termini di programmazione di eventi e di fruizione degli spazi. Perché tanto più Ente Olivieri e Comune programmano insieme, tanto più è facile trovare risorse per fare le cose».

 

PRIMO STRALCIO – Intanto il bando per il primo stralcio dei lavori dell’allestimento  museale, per un importo pari a 265mila euro, è stato pubblicato: l’assegnazione è in calendario il 22 gennaio. L’intervento riguarderà sala principale (dedicata alla Pesaro romana e al collezionismo) e ambiente di ingresso. Con supporti espositivi, prototipi, campionature, opere provvisionali, corpi illuminanti. Azioni comprese all’interno del disegno complessivo per l’allestimento del museo archeologico, su cui il Comune ha previsto una cifra complessiva di oltre 363mila euro. Spalmata in due tranche. In parallelo ai fondi comunali, il Segretariato regionale del ministero per i Beni culturali ha destinato altri 150mila euro per ulteriori interventi conservativi del museo (restauro, studio scientifico, catalogazione dei reperti e altre opere). La narrazione seguirà un criterio cronologico per ambiti tematici. Con l’accento sui documenti di rilievo della storia della città, incluse le offerte votive provenienti dal lucus pisaurense. Dice il presidente Fabrizio Battistelli, uscendo dall’incontro: «Mi sembra un buon inizio. Siamo tutti d’accordo sul rilancio dell’attività e del patrimonio prezioso della Fondazione, con modalità che vedranno una convergenza. Nel segno di una sinergia verso l’apertura e la socializzazione». L’immagine che sintetizza la visione, utilizzata dal presidente, è il ‘crocevia’: «Le iniziative della Fondazione saranno ancorate profondamente alla storia di Pesaro. Con una dimensione nazionale e un respiro europeo».

 

(f.n.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.