Bernardo Bertolucci e Pesaro. Dalla Mostra del Nuovo Cinema negli anni Sessanta alla proiezione de L’ultimo Imperatore

Il grande regista italiano Bernardo Bertolucci, certamente il più conosciuto a livello internazionale, ha avuto a Pesaro due momenti significativi della sua vita artistica. La prima, quando in pieno ’68 partecipò alle prime edizioni della Mostra del Nuovo Cinema. Erano gli anni che il giovane Bertolucci realizzava Prima della Rivoluzione. L’altro momento significativo, fu il suo arrivo solitario a Pesaro per la proiezione al cinema Sperimentale de L’Ultimo Imperatore, il film che lo rese regista internazionale Per ripercorrere queste ed altri momenti della vita di Bernardo Bertolucci, è uscito un saggio dal titolo BERNARDO BERTOLUCCI CINEMA LA PRIMA VOLTA – Conversazioni sull’arte e la vita, a cura di Tiziana Lo Porto (Minimun Fax editore). Bernardo Bertolucci, recentemente scomparso, esordisce nel 1961 come assistente alla regia di Pasolini nel film Accattone. La comare secca (1962) è il suo primo film. Seguono Prima della rivoluzione, Partner. Del 1970 sono Strategia del ragno, Il conformista e nel 1987 dirige Ultimo tango a Parigi, Novecento, La luna, La tragedia di un uomo ridicolo fino ad arrivare all’Ultimo Imperatore. Da quella data vi sono altri film fino al 2013, anno in cui presentò alla Biennale di Venezia il corto Red Shoes. La frequentazione della mostra del Nuovo Cinema di Pesaro fu una palestra molto importante per Bertolucci, perchè in quegli anni della contestazione, il giovane, ma sicuro dei suoi mezzi, incontrò Pasolini, Metz, Eco ed entrò nel dibattito della teoria del cinema. Il rapporto con Pasolini in realtà era già iniziato anni prima, ma Pesaro è rimasta per il cineasta emiliano, un punto di riferimento educativo. Il volume curato da Tiziana Lo Porto, raccoglie una selezione di interviste e conversazioni pubblicate dagli esordi a oggi su riviste di cinema e spettacolo, che sono spesso condotte da altri registi, fra cui Andy Warhol, Robert Aldrich, o scrittori e drammaturghi. Una vita ricca quella di Bertolucci che è rimasto fedele a se stesso.

PAOLO MONTANARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.