Leggere, leggere…. riflettere, rubrica editoriale a cura di Paolo Montanari

L’arte, la pittura, la scultura, sono argomenti che hanno trovato tanti autori con romanzi e saggi. In questo periodo di festività natalizie proponiamo alcuni titoli che riteniamo interessanti.

LA BIBLIOTECA SEGRETA DI LEONARDO (PIEMME EDITORE) di Francesco Fioretti, dantista e scrittore, che ha esordito nella narrativa con IL LIBRO SEGRETO DI DANTE, seguito poi da IL QUADRO SEGRETO DI CARAVAGGIO, LA PROFEZIA PERDUTA DI DANTE e LA SELVA OSCURA. IL GRANDE ROMANZO DELL’INFERNO, una riscrittura in prosa moderna dell’Inferno di Dante. La BIBLIOTECA SEGRETA DI LEONARDO è un romanzo storico scritto in occasione dei 500 anni dalla morte del genio di Leonardo, ed ha un luogo ed una data: MILANO 1496. Leonardo ha atteso con ansia quel primo incontro con frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico. Entrato nella cella del frate Leonardo, viene attratto da un dipinto che ritrae lo studioso. Un insieme di allegorie alla geometria euclidea. Per Leonardo la matematica rimane la regina del sapere. Ecco perchè Leonardo vuole incontrare Pacioli a Milano. L’incontro però viene funestato per la morte del vicino di cella di Luca Pacioli, un sedicente frate, in realtà un ladro, reo di aver trafugato degli antichi testi bizantini, che erano giunti in Italia, dopo la crociata rovinosa in Morea condotta da Sigismondo Malatesta. Quei volumi sono di grande interesse per Leonardo e Luca Pacioli. I due si metteranno sulle tracce dell’assassino e dei testi rubati e Leonardo scoprirà l’enigma nascosto nell’affresco di Pacioli.

Francesco Poli è l’autore del saggio LA SCULTURA DEL NOVECENTO – Forme plastiche, costruzioni, oggetti, installazioni ambientali (EDITORI LATERZA). Francesco Poli insegna Storia dell’ Arte contemporanea all’Accademia di Brera. E’ autore di contributi critici, articoli, presentazioni in quotidiani, riviste e cataloghi, su molti autori e artisti del Novecento.
Scultura è un termine oggi abitualmente utilizzato nell’ambito dell’arte contemporanea non solo per le opere tradizionali ma anche per ogni tipo di lavoro con caratteristiche tridimensionali effettive, dalle costruzioni e assemblaggi agli oggetti, dalle installazioni spaziali, agli ambienti e agli interventi in contesti esterni. Allora Poli si pone un interrogativo: perchè si è arrivati a estendere, forzandola all’estremo, una categoria che per secoli ha avuto una identità precisa? Di fatto oggi ci troviamo in una situazione culturale in cui si registra una compresenza delle più diverse forme operative, tutte legittimate al livello della produzione artistica più avanzata. Il saggio analizza le opere di Rodin, Mendardo Rosso, i rilievi cubisti di Picasso, da Boccioni a Duchamp, agli artsti pop, fino a giungere ai concetti spaziali di Fontana e le realizzazioni tridimensionali.

Fabrizio Biferali è l’autore del saggio d’arte in forma romanzata dal titolo TIZIANO Il genio e il potere (EDITORI LATERZA). Biferali è uno storico d’arte che si occupa prevalentemente degli aspetti iconologico-contestuali della cultura figurativa di epoca rinascimentale. Autore di numerosi saggi, con TIZIANO Biferali scrive una biografia di un immenso colorista, il più grande della sua epoca, ineguagliabile creatore di atmosfere malinconiche, di pesaggi idilliaci, di favolose scene mitologiche, di paludati ritratti ufficiali, ma anche di drammi religiosi di grande intensità. In vecchiaia Tiziano seppe rinnovarsi interamente e Biferali trova spunti di esplorazioni in contesti specifi della vita del grande pittor.

Angela Vettese è l’autrice del saggio SI FA CON TUTTO, Il linguaggio dell’arte contemporanea (EDITORI LATERZA). La Verrese è una critica d’arte che dirige il corso di Arti Visive presso l’Uniersità di Venezia e ha insegnato all’Università Bocconi di Milano. Pubblicista ha scritto numerosi saggi: INVESTIRE IN ARTE CONTEMPORANEA, CAPIRE L’ARTE CONTEMPORANEA MA QUESTO E’ UN QUADRO? Con il saggio Si FA CON TUTTO, la Vettese scandaglia il rapporto esistente tra le tecniche nuove, le tematiche, proponendo una lettura di tanti artisti d’oggi di ogni parte del mondo. Un saggio da leggere.

1791 MOZARTA E IL VIOLINO DI LUCIFERO è un bel thriller storico di DAVIDE LIVERMORE E ROSA MOGLIASSO per Salani editore. Un noto regista di teatro, una studiosa di cinema coadiuvati da Francesco Calcagnini di Pesaro, noto scenografo. Si può indagare su un violino come si indagherebbe su un delitto? Il thriller parte da uno sperduto monastero secentesco, si sviluppa fino ai giorni nostri, una storia fantastica, temperata dallo sforzo di aderire ad accadimenti reali, a personaggi esistiti: conti, marchesi, principi illuminati, ma anche contadini e gente del popolo. Un esordio narrativo fra fantasia e storia veramente magistrale.

PAOLO MONTANARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.