L’Annunciazione di Guido Reni 20 dicembre 2018 – 3 marzo 2019, a cura di Vittorio Sgarbi. Con foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

URBINO Palazzo Ducale, Sale del Castellare

Nell’ambito della proroga fino al 3 marzo, la mostra diffusa “Rossini 150” si arricchisce di un capolavoro assoluto: l’Annunciazione di Guido Reni dal 20 dicembre a Urbino, Sale del Castellare di Palazzo Ducale.

Un nuovo capolavoro è arrivato alla mostra diffusa “Rossini 150”, omaggio ad uno dei più importanti compositori della storia di cui si celebrano i 150 anni trascorsi dalla morte, in corso a Pesaro e Urbino.

Nell’ambito della proroga fino al 3 marzo 2019, la sede urbinate accoglie presso le Sale del Castellare di Palazzo Ducale l’incantevole Annunciazione di Guido Reni (Bologna 1575-1642) proveniente dalla Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno.

Questa meraviglia assoluta dell’arte del Seicento è stata presentata al pubblico dal curatore dell’evento Vittorio Sgarbi, giovedì 20 dicembre alle ore 10.30, con inaugurazione cittadina alla presenza del sindaco Maurizio Gambini.

La pala è considerata uno dei punti fermi più ammirati e copiati dell’opera di Guido Reni. Nella perfezione delle forme ecco il miracolo dell’incarnazione: tutto è degno di una visione celeste, uno squarcio di paradiso che il pittore ricrea davanti ai nostri occhi e che spinge ogni immagine verso il registro più alto e aulico della pittura, l’unico che egli ritiene realmente importante.

Spiega Sgarbi: “L’esposizione a Urbino, durante e nella mostra dedicata a Gioachino Rossini, di uno dei capolavori dell’ideale classico del Seicento, l’Annunciazione di Guido Reni, è una testimonianza felice di quello che, nel linguaggio delle avanguardie, si chiama “straniamento”.
Non si tratta né di un’opera inedita, né sconosciuta, né restaurata, ma di un capolavoro comodamente allestito in uno dei luoghi più belli delle Marche, il museo civico di Ascoli Piceno. Eppure può essere che, esclusi i visitatori occasionali, i cittadini di Ascoli e i marchigiani non abbiano guardato con l’attenzione che merita la meravigliosa Annunciazione di Guido Reni, vertice assoluto della pittura bolognese, un altro mondo rispetto a quello di Caravaggio, ma altrettanto intenso e poetico. Potranno vederla meglio, con quanti verranno a Palazzo Ducale in Urbino.
La rivincita del bello ideale, nell’esaltazione del momento originario del concepimento da cui viene la Natività di Gesù, è l’inizio umano della festività del Natale cristiano, ed è l’opera attraverso la quale l’amministrazione di Urbino intende indirizzare i propri auguri a tutta la cittadinanza.”

Autentico gioiello del patrimonio artistico ascolano, l’Annunciazione è realizzata per la cappella di Deonora Alvitreti nella chiesa di Santa Maria della Carità ad Ascoli Piceno, dove era custodita da una cancellata e da una tenda e mostrata solo agli ospiti più importanti come una reliquia. Solo alla fine del Settecento, per salvarla dall’umidità, la pala viene trasferita alla Pinacoteca Comunale dove ancora oggi occupa un posto d’onore.

L’opera aggiunge un prezioso tassello al percorso della mostra “Rossini 150”, curato da Vittorio Sgarbi a Urbino nelle sale del Castellare: “Gesamtkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini” dedicata a disegni, dipinti e ritratti del noto e apprezzato pittore bolognese Pelagio Palagi (1775-1860) a documentazione del “secolo” rossiniano tra neoclassicismo e romanticismo.

Conterraneo di Palagi, Guido Reni apriva la strada al Classicismo due secoli prima; imitava la realtà, ma idealizzandone le forme e cercando costantemente il bello. Tra i suoi modelli c’erano le opere grafiche di Dürer, che trovava nella bottega di Denijs Calvaert, e in particolare la xilografia con l’Annunciazione del 1503.
Reni aggiorna e idealizza l’immagine, eliminando gli orpelli narrativi e concentrandosi sulle figure principali e sui panneggi, ritenuti nel Seicento l’essenza dello stile di un pittore; abbondanti e regali, ma taglienti e metallici, come il segno di un’incisione, sono ricreati mentalmente all’insegna del bello ideale.

La mostra “Rossini 150” prosegue a Pesaro, città natale del Cigno, a Palazzo Mosca – Musei Civici con il percorso “Pesaro racconta Rossini” in tre sezioni: esposizione esperienziale e multimediale, la prestigiosa collezione Hercolani-Rossini e la storia del Conservatorio G. Rossini.

Il progetto diffuso è stato ideato dal Comitato Promotore delle Celebrazioni Rossiniane e promosso da Comune di Urbino, Comune di Pesaro e Comune di Fano, in collaborazione con la Regione Marche, e organizzata da Sistema Museo. L’evento si avvale inoltre dell’importante collaborazione con la Fondazione G. Rossini, il Conservatorio Statale di Musica “Gioachino Rossini”, il Rossini Opera Festival, l’Ente Olivieri – Biblioteca e Musei Oliveriani, istituzioni pesaresi, e con il Museo del Pianoforte Storico e del Suono di Accademia dei Musici da cui provengono antichi strumenti restaurati e funzionanti che oltre ad essere esposti sono protagonisti di speciali visite musicali e racconti concerto nelle sedi.

ROSSINI 150
L’Annunciazione di Guido Reni – a cura di Vittorio Sgarbi
URBINO Palazzo Ducale, Sale del Castellare
20 dicembre 2018 – 3 marzo 2019
Inaugurazione al pubblico giovedì 20 dicembre 2018 h 10.30

Fino al 3 marzo 2019
Gesamtkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini
a cura di Vittorio Sgarbi – URBINO Palazzo Ducale, Sale del Castellare
Pesaro racconta Rossini
a cura del Conservatorio G. Rossini e di Emanuele Aldrovandi – PESARO Palazzo Mosca – Musei Civici

URBINO Palazzo Ducale, Sale del Castellare piazza Duca Federico 107
Orari da venerdì a domenica e festivi h 10-13 / 15.00-18.00
Dal 18 dicembre al 6 gennaio, da martedì a giovedì h 10-13, da venerdì a domenica e festivi 10-13 / 15.00-18.00
PESARO Palazzo Mosca – Musei Civici piazza Mosca 29
Orari martedì a giovedì h 10-13; da venerdì a domenica e festivi h 10-13 / 15.30-18.30
Dal 18 dicembre al 6 gennaio, tutti i giorni 10-13 / 15.30-18.30
Chiuso 25 dicembre e 1 gennaio
Le biglietterie chiudono mezz’ora prima / è possibile prenotare aperture straordinarie per visite riservate.

Biglietto unico per le sedi di mostra Pesaro e Urbino
Intero € 10; Ridotto € 8 (gruppi min. 15 persone, da 19 a 25 anni, possessori di tessera Fai, Touring Club Italiano, Coop Alleanza 3.0 e precedenti; allievi Conservatorio G. Rossini, Amici e Friends Rossini Opera Festival); Ridotto € 5 (residenti dei comuni di Pesaro e Urbino, possessori di Card Pesaro Cult, residenti nell’area del cratere sismico); Libero (fino a 18 anni, soci ICOM, giornalisti con regolare tesserino, disabili e accompagnatore)
Il biglietto consente l’ingresso al circuito Pesaro Musei (Palazzo Mosca – Musei Civici, Casa Rossini, Area archeologica di Via dell’abbondanza).

Informazioni e prenotazioni
Pesaro – Palazzo Mosca – Musei Civici T 0721 387 541 / pesaro@sistemamuseo.it
Prenotazioni visite speciali anche online su www.italytolive.it
Prenotazioni tour guidati mostra + città Pesaro Urbino (disponibili anche in lingua)
Call center 0744 422848 (lunedì-venerdì h 9-17 sabato h 9-13 eccetto festivi) / callcenter@sistemamuseo.it

Ufficio Stampa
Alessandra Zanchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.