MUSICULTURA: parte domani il viaggio nella “Storia Cantata” de La Compagnia di Piero Cesanelli

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da domani 23, 24 e 25 novembre al Tetro Persiani di Recanati

Al via la “Storia Cantata” un viaggio musicale de La Compagnia di Musicultura

Si parte con Bruno Lauzi, Fabrizio De Andrè, Gabriella Ferri e Scalinatella

La Compagnia di Musicultura festeggia a Recanati i dieci anni di intensa attività artistica, al Teatro Persiani, con una retrospettiva dei più acclamati spettacoli dagli oltre 300.000 spettatori della “Storia Cantata” firmati da Piero Cesanelli. Una full immersion di sette spettacoli che si apre domani venerdì 23 novembre con il primo week end dedicato ai ritratti delle figure di grandi artisti, ridisegnate con estro e affetto da Piero Cesanelli. Emozionanti spettacoli di grande musica live che coniugano canzoni, immagini e filmati con l’apporto narrativo di attori in scena.

Si parte domani venerdì 23 novembre alle ore 21 con i ritratti di due grandi artisti: “BRUNO LAUZI, Questo Piccolo Grande Uomo” e “ FABRIZIO DE ANDRÉ, Da Marinella a Princesa. Bruno Lauzi è sempre stato un personaggio inconsueto, definito da molti suoi colleghi “un vero anticonformista”. Il cantautore ha lasciato pagine bellissime nel grande libro della storia della canzone popolare. Lo spettacolo illustra i vari aspetti dell’artista Lauzi: l’interprete, il cantautore e l’autore. In programma le più suggestive canzoni scritte ed interpretate da Lauzi fra cui: La casa nel parco, Se tu sapessi, Genova per noi, Vecchio paese, Giovedì speciale, L’appuntamento, Amore caro amore bello, Almeno tu nell’universo, Il poeta, L’aquila, Ritornerai, Una giornata al mare, On su onda, Piccolo uomo, E penso a te. “ FABRIZIO DE ANDRÉ, Da Marinella a Princesa” è lo spettacolo più intimistico messo in scena da La Compagnia. Piero Cesanelli che ha conosciuto ed avuto come ospite e giurato a Musicultura De André ci disegna un profilo del grande cantautore dove il video racconto, la recitazione e l’esibizione musicale live la fanno da protagonisti. Uno spettacolo in cui diventa facile accedere al mondo di un artista che per tutta una generazione rimane un importante punto di riferimento. Tra le canzoni in scaletta più suggestive di Fabrizio De Andrè: Ho visto Nina volare, La ballata del Michè, Lontano lontano, La ballata dell’amore cieco, Il suonatore Jones, Hotel Supramonte, Blowin in the wind, Khorakhanè, Via della povertà, La canzone di Marinella, Bocca di rosa, Il testamento di Tito, Fiume Sand Creek, Creuza de ma, Don Raffaè, Il pescatore .

Il viaggio prosegue sabato 24 novembre alle ore 21 con lo spettacolo “GABRIELLA FERRI, una voce fuori dal coro”. Gabriella Ferri può essere considerata una delle più grandi interpreti della canzone popolare del nostro paese. In questo spettacolo viene proposta una lettura di tutto il mondo artistico e a volte anche personale dell’artista attraverso i modelli ispirativi, le contaminazioni etniche internazionali, il suo aspetto compositivo e le canzoni scritte da altri autori per la sua voce. Tra le più suggestive canzoni scritte ed interpretate dalla Ferri si potrà ascoltare: Come è bello fa’ l’amore, Vecchia Roma, La società dei magnaccioni, Roma forestiera, Remedios, Cielito lindo, Gracias a vita, Tutti al mare,

Il valzer della toppa, Se tu ragazzo mio, Sempre, Ti regalo gli occhi miei, Er barcarolo, Luna rossa, Chitarra romana, Dove sta Zaza’.

A chiudere l’intenso week end musicale, domenica 25 novembre alle ore 17 sarà un tributo alla storia della canzone partenopea: “SCALINATELLA la canzone napoletana dalla Villanella al Rock Blues” Un emozionante viaggio nel panorama della musica napoletana da cui tutti quanti, artisti e fruitori, sono contaminati. Un percorso che sottolinea i mutamenti della scrittura musicale di questo grande popolo di artisti. Dalle villanelle del 1600 si sale alla prima tarantella, per poi proseguire dalla canzone classica al rock blues dei giorni nostri individuando i grandi temi ispiratori: Napoli l’America e la ricerca del lavoro, l’amore, la malavita, l’innocenza perduta. In programma le più suggestive pagine della canzone napoletana fra cui: Michelemmà, Fenesta ca lucive, Te voglio bene assaje, O sole mio, Marechiaro, Mare chiaro mare scuro, Tamurriata nera, Tu vuò fa l’americano, Perché nun ce ne jammo in America, Reginella, Malafemmena, Chella là, Je so pazzo, Na tazzuelella e café, Era di maggio, Canzone appassionata, Passione, Marinariello, ‘A città ‘e Pulecenella, O surdato innamorato. Per info tel 366.9237615; FB La Compagnia di Musicultura. http://www.musicultura.it

Ufficio stampa FORMAT Communication – Cristina Tilio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...