Ricci e Vimini: “Pesaro incanta Parigi con Rossini, ora la Notte Bianca della Musica”. Con foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

150esimo, anfiteatro della Sorbona gremito per la Petite Messe Solennelle. Il sindaco: concerti in centro chiuderanno settimana straordinaria

 

PESARO – A Parigi fanno il pieno gli eventi per le celebrazioni di Rossini, a 150 anni esatti dalla morte. «Grandi riscontri per appuntamenti di assoluto livello. Con una promozione eccezionale per la città della musica Unesco», commentano il sindaco Matteo Ricci e il vicesindaco Daniele Vimini dalla capitale francese. Le commemorazioni nella Ville Lumière, dove Rossini visse gli ultimi anni della sua vita, hanno visto in prima linea l’Ambasciata italiana in Francia, l’Istituto italiano di Cultura di Parigi, la Cancelleria delle Università di Parigi, l’Enit. Nella sponda organizzativa con Rof, Fondazione Rossini e Comune.

 

I RIFLETTORI – Sale gremite per l’incontro con lo scrittore Alessandro Baricco all’Istituto Italiano di Cultura. Così come per l’«Intervista immaginaria» di Rossini, (impersonato dall’attore Paolo Bonacelli) e per il convegno a tema alla facoltà di Sciences Politique della Sorbona. «Ma soprattutto grande successo per la Petite Messe Solennelle nel grande anfiteatro della Sorbona. Al completo per la totalità dei posti disponibili: una cornice prestigiosa, che ha conferito straordinaria autorevolezza alle celebrazioni», rileva il sindaco. Sul palco Alvise Maria Casellati, a dirigere il Chœur régional Vittoria d’Île-de-France nella proposizione della composizione sacra in versione originale per due pianoforti e harmonium. Nel cast, tra gli altri, Milla Mihova, Valeria Girardello, Matteo Roma e Roberto Lorenzi.  «A ribadire l’importanza dell’evento – sottolinea Ricci – anche la presenza dell’ambasciatrice italiana in Francia Teresa Castaldo. Per rimarcare che Rossini è il testimonial della bellezza italiana nel mondo nel 2018». L’ambasciatrice è intervenuta insieme al direttore dell’Istituto italiano di Cultura di Parigi Fabio Gambaro e al presidente del Rof e vicesindaco Daniele Vimini. Che nel giorno della ricorrenza ha deposto una corona di fiori al cenotafio di Rossini, nel cimitero del Père-Lachaise, insieme all’Ambasciata italiana.

LA FESTA – A Parigi, nei prossimi giorni, si celebra anche il Rossini gourmet. Che sarà al centro della Settimana della cucina italiana nel mondo: si partirà il 19 novembre con un pranzo di gala. Quindi una serie di iniziative che coinvolgeranno Ambasciate e Istituti di cultura italiani. «Andremo avanti su Rossini e musica. A maggior ragione dopo il riconoscimento Unesco. Per noi è un anno magico e su questi temi stiamo edificando un pezzo di futuro. Lo spessore degli eventi degli ultimi giorni e le relazioni che stiamo costruendo lo testimoniano», chiosa Ricci. Che poi rilancia sulla festa di sabato 17 novembre: «Dalle 18 alle due di notte centro storico inondato da concerti di tutti i tipi. La Notte Bianca della musica chiuderà una settimana speciale per la città. Le realtà musicali saranno protagoniste».

 

(f.n.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...