Spuntano le ‘case dell’acqua’ a Villa Fastiggi e al San Decenzio

Inaugurate da Ricci e Foronchi con Marche Multiservizi e Aato: «Meno plastica, più sostenibilità e risparmio»

 

PESARO – Spuntano le prime «case dell’acqua» in città.  Una a Villa Fastiggi, l’altra al parcheggio del San Decenzio. A battezzare il distributore di via della Concordia, di prima mattina, il sindaco Matteo Ricci e l’assessore Franca Foronchi, insieme ai vertici di Marche Multiservizi e Aato e al presidente del quartiere Luca Di Dario. Con loro, una rappresentanza delle medie della Galilei. L’acqua, che proviene direttamente dalla rete acquedottistica locale, è disponibile in modalità refrigerata, frizzante o leggermente frizzante. Al costo di cinque centesimi al litro. Così Ricci: «L’acqua va preservata e tutelata. E’ un bene primario, deve essere a disposizione di tutti ai prezzi più bassi possibili. Quella del nostro acquedotto è potabile e costantemente controllata. E in queste casette è buona come quella minerale. Un servizio importante, utile ad educare le nuove generazioni a un consumo consapevole. Che in più assicura un bel risparmio». Evidenzia il presidente Mms Massimo Galuzzi, affiancato dall’amministratore delegato Mauro Tiviroli: «L’obiettivo è promuovere la qualità dell’acqua erogata dall’acquedotto, su cui eseguiamo ogni anno oltre 70 mila analisi. Tenendo monitorati i punti di prelievo e le reti attraverso un preciso piano di controlli. Con le casette si contribuisce alla sostenibilità, consumando meno plastica e facendo economia domestica. Realizzate da Adriatica Acque, sono il risultato dell’impegno congiunto di Comune, Marche Multiservizi e Aato». Spiega il sindaco di Peglio Daniele Tagliolini, in rappresentanza dell’Aato: «Ridurre i rifiuti di plastica non è cosa banale. Con le casette diamo un segnale supplementare. E a Pesaro avremo in futuro investimenti importanti, portati avanti dall’Aato e attesi da anni: il primo è legato al depuratore di Borgheria. In più ci saranno azioni sull’ambito dell’approvvigionamento idrico: con la Regione abbiamo fatto un grande passo per definire i punti dove captare acqua in falda sotterranea. Per ottenere una qualità ulteriore».

 

(f.n.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...