All’Università Politecnica delle Marche “CLIMATHON”, la maratona internazionale di 24 ore contro l’inquinamento dell’aria

Màlleus in prima linea con la “ Macchina della pioggia”

Presentato un innovativo e rivoluzionario brevetto in grado di creare pioggia artificiale e liberare l’aria dalle emissioni inquinanti.

Presentata a Climathon, la maratona internazionale di 24 ore per abbattere le emissioni e trovare soluzioni che rendano le città sempre più ‘green’, un nuovo rivoluzionario brevetto la “Macchina della pioggia” che nel suo raggio di azione, relativo al posizionamento in altezza del dispositivo, permette di bagnare l’area sottostante e di far precipitare le polveri a terra liberando l’aria dalle emissioni

Inventore del rivoluzionario dispositivo tecnologico è Màlleus il noto Amanuense di Recanti famoso anche per le sue numerose creazioni e brevetti geniali, che ha presentato oggi a Climathon Ancona, organizzato dall’Università Politecnica delle Marche le potenzialità e l’efficienza della “ Macchina per la pioggia” con una dimostrazione pubblica.

“Dopo un’esperienza terribile con lo smog di Adis Abeba, che mi ha segnato in maniera indelebile, ho sviluppato negli anni il pensiero fisso di come debellarlo o almeno ridurlo. – ha dichiarato Màlleus – Il pensiero più immediato riguarda l’aspetto meteo: quando il vento si muove o quando piove, le città vengono liberate dalle polveri inquinanti. Negli anni molti inventori o aspiranti tali, hanno provato a controllare il meteo, creando complessi macchinari basati sull’elettromagnetismo, sulla ionizzazione dell’aria, sull’uso di sostanze immesse nell’atmosfera dai dubbi effetti collaterali… La mia “Macchina della pioggia” ha un funzionamento molto semplice, immediato e di grande efficacia.”

La “Macchina della pioggia” è un dispositivo di basso ingombro e facile trasporto che sollevato a soli 4 metri di altezza è in grado di bagnare con la stessa modalità, intensità e rapidità di un temporale, un cerchio di terreno del diametro di 18 mt., un diametro che aumenta esponenzialmente innalzando il dispositivo stesso.

Il dispositivo è ideato per essere installato sulla sommità di palazzi o grattacieli, in modo che l’area interessata dagli effetti benefici della pioggia artificiale sia notevolmente più ampia.

Grazie a dei sensori di rilevamento dello smog posizionati a terra, il sistema si avvia automaticamente creando un vero e proprio “sistema temporalesco” a comando, in grado di ripulire in pochi minuti tutta l’aria sottostante.

Al brevetto della “Macchina della Pioggia” Màlleus ne ha aggiunto un secondo denominato “Scrubber” un dispositivo “divora smog” adatto per le città con grandi concentrazioni di inquinamento, che grazie ad una serie di ventilatori crea un vortice centripeto che risucchia e convoglia tutta l’aria circostante all’interno della campana di bagnatura generata dalla “Macchina della Pioggia”. L’aria che entra in alto, viene ripulita e raffreddata dalla pioggia scende verso il basso. Esce così ad altezza d’uomo fresca e libera dalle polveri.

Ufficio stampa FORMAT Communication Cristina Tilio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...