Overtime, il racconto dello sport a Macerata, ottava edizione

Conferenza stampa il 27 settembre 2018 nella sede della Regione Marche a Roma.

Tra gli ospiti Federico Buffa, Filippo Magnini, Massimo D’Alema, Luisella Costamagna, Beppe Bergomi, Costantino della Gherardesca, Giorgia Rossi, Pierluigi Pardo, Giuseppe Cruciani, Giorgia Cardinaletti, Marino Bartoletti, Moreno Torricelli.

 

ROMA – Per l’ottava volta negli ultimi anni, Macerata diventa la capitale dello sport italiano, grazie ad Overtime, il festival del racconto e dell’etica sportiva che apre i battenti il prossimo 10 ottobre.

L’ottava edizione della manifestazione organizzata dalla Pindaro Eventi è stata presentata questa mattina a Roma, nella sede della Regione Marche, che è uno dei principali partner dell’evento.

Presentando Overtime, l’Assessore con delega allo sport e capo ufficio segreteria del Presidente della Regione Marche, Fabio Sturani, ha infatti parlato del Festival come di un “importante esempio per il nostro territorio marchigiano, un’occasione che è diventata di livello nazionale e che coinvolge il Comune Macerata e altri comuni che sono stati anche colpiti dal terremoto”.

“Overtime rappresenta una nuova cultura dello sport che può portare ad un incremento della valorizzazione delle aree interne, come la rete ciclabile regionale, un modo per far conoscere e rappresentare un turismo sportivo che rappresenti la regione e sviluppi l’economia, se è vero che il turismo sportivo rappresenta più del 10% della fetta turistica del nostro paese”.

Gli ha fatto eco Alferio Canesin, Assessore allo sport e al tempo libero del Comune di Macerata, che ha detto che “lo sport è un grosso punto di riferimento per la nostra società, per i giovani. Lo sport è anche turismo, anche economia. E’ una delle iniziative più appaganti per insegnare la cultura dello sport, della quale Macerata e le Marche stanno diventando punti di riferimento”.

Sarà una edizione che metterà al centro il racconto delle imprese sportive, valorizzandone il significato talvolta al di là del risultato sportivo. Lo sport come impegno, disciplina e passione, lo sport come occasione per misurarsi e superarsi, come sfida con sé stesso e con gli altri, come racconto personale ed esperienza di vita. Il festival sarà ricchissimo di testimonianze e di storie, di volti noti e meno noti del panorama sportivo italiano, del giornalismo, della comunicazione, che analizzeranno anche i nuovi strumenti di fruzione dello sport in tv, in radio, sul web, ed anche sulle nuove frontiere social del racconto sportivo. La gran parte degli eventi sarà in collaborazione con le realtà associative e amministrative locali, per promuovere l’intreccio tra sport e benessere, ancor più in una regione dalla grande tradizione culturale come le Marche.

Tra questi, grandi campioni dello sport, come Beppe Bergomi, che racconterà la sua vita sportiva presentando la sua biografia, e Filippo Magnini, protagonista di una intervista verità. Ma anche Maurizio

Damilano, indimenticato campione della marcia italiana, che parlerà di sport, benessere e alimentazione, Boscia Tanjievic, coach della pallacanestro, Stefano Garzelli, ex campione di ciclismo, Moreno Torricelli, ex calciatore della Juventus, e Nazareno Rocchetti, ex fisioterapista della Nazionale Italiana di atletica leggera. Non mancheranno rappresentanti del mondo della politica sportiva, come Gianni Petrucci, Presidente della Federazione Italiana Pallacanestro e già a capo del Coni.

Senza dimenticare le grandi firme dello giornalismo, non soltanto sportivo, come Marino Bartoletti, Angelo Carotenuto, Giorgia Rossi, Furio Zara, Giorgia Cardinaletti, Riccardo Cucchi, Francesco Repice, Stefano Bizzotto, Franco Bragagna, Nicola Calzaretta, Darwin Pastorin, Luisella Costamagna, Stefano Vegliani. In uno degli appuntamenti più attesi dialogheranno Pierluigi Pardo e Giuseppe Cruciani, riproponendo dal vivo il linguaggio pungente de “La Zanzara”. Mentre Costantino Della Gherardesca, conduttore e uomo di spettacolo, racconterà il suo complicato rapporto con lo sport, che lui stesso definisce “un’impresa”.

Gran finale per Federico Buffa, uno dei maestri del racconto sportivo, che chiuderà il festival con uno storytelling al Teatro della Filarmonica (domenica 14 ottobre alle 18.30), in cui descrivere a modo suo le grandi imprese sportive.

Non mancheranno le proiezioni e i concorsi sui documentari e cortometraggi sportivi, una vetrina ormai tradizionale per valorizzare i lavori di giovani registi e studenti, premiati il 10 ottobre, nella giornata inaugurale del festival. Macerata sarà ravvivata nelle cinque giornate del Festival anche per le strade della città, con spettacoli di parkour, corsi di bici per bambini, il “Tweed Ride Italia”, con biciclette vintage anni 20, e il 2° Torneo Overtime Old Rugby a supporto di Castelsantangelo sul Nera.

Come ogni anno, Overtime sarà anche l’occasione per raccontare la città di Macerata e il territorio marchigiano, con eventi gastronomici e degustazioni curate da “Tipicità” all’interno dell’Overtime Wine Festival, e mostre sullo sport come Spartan Race” di Ernesto Scarponi, e un altra dal titolo “E vissero … sconfitti & vincenti” a cura di Stefano Diomedi. Non mancherà il contributo dei più giovani, che proporranno la mostra fotografica “Overtime Photo Festival 2018, in cui le grandi imprese sportive saranno raccontate dagli studenti ABAMC” in collaborazione con ABAMC e Associazione Bauhaus, in un progetto a cura di Massimiliano Verdino, con il contributo di Mosca srl.

Ci sarà anche quest’anno la consueta attenzione ai temi del sociale e alla prevenzione delle dipendenze patologiche con la Presentazione del libro “Vuoi trasgredire? Non farti” di Giorgia Benusiglio, in collaborazione con Banca Macerata, ProgettoInArea e StammiBene.

Ma non solo. Overtime ha consolidato anche quest’anno la collaborazione con l’Università degli Studi di Macerata con cui sono stati organizzati i convegni su “sport e valorizzazione territori” e su sport ed inclusione sociale, nonchè il contest culinario “Gli studenti Unimc ai fornelli, tra internazionalizzazione e rispetto della tradizione”, realizzato in collaborazione con Coop Alleanza 3.0 e Tipicità. Tra i convegni concertati con l’Università di Macerata, quello dal titolo “Comunicare lo sport attraverso la radio” con Marco Ardemagni e Filippo Solibello (Caterpillar AM), Riccardo Cucchi, Francesco Repice (Rai Sport), Dario Ricci (Il Sole 24 Ore-Radio24).

 

 

Michele Spagnuolo

Overtime Festival 2018

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...