Inaugurazione reparto di oncologia. Presentazione del nuovo acceleratore per trattamenti stereotassici. Con foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

PREMESSA
Cresce il Polo Onco-Ematologico di Marche Nord, dal punto di vista
tecnologico e strutturale. Da una parte c’è la riqualificazione del
reparto di degenza di Oncologia (Padiglione 4, primo piano dello
stabilimento ospedaliero di Muraglia), dall’altra la recente
attivazione e messa in opera dell’acceleratore lineare per trattamenti
stereotassici al servizio dell’Unità operativa di Radioterapia. Un
investimento complessivo di oltre tre milioni e seicento mila euro.

ONCOLOGIA
Il reparto di degenza ha cambiato volto: 8 camere, 6 singole e 2
doppie, tutte dotate di nuovi servizi igienici con doccia. Non solo:
un bagno assistito per il lavaggio di pazienti con impossibilità a
deambulare con apposita barella, una nuova area relax per pazienti e
familiari con macchine di distribuzione di alimenti e bevande, un’area
riservata e protetta per i colloqui tra medici e familiari e un
impianto di diffusione sonora per permettere agli ospiti dell’unità di
ascoltare musica all’interno della propria stanza. Ovviamente
l’intervento ha riguardato anche il rifacimento e messa a norma dei
gas medicali, l’adeguamento al progetto antincendio in vigore per
l’ospedale di Muraglia, l’acquisto di nuovi arredi, in particolare
dei letti di degenza e la riqualificazione della pavimentazione e
del perimetro strutturale. Un lavoro di ristrutturazione importante,
per un reparto che ospita pazienti critici che, oltre ad aver bisogno
delle migliori cure offerte dalla medicina moderna, devono vivere la
loro permanenza in ospedale in ambienti accoglienti e confortevoli. La
ristrutturazione, che ha interessato una superficie complessiva di
410 mq, ha richiesto un impegno economico pari ad oltre 330mila euro,
finanziati dalla regione Marche.

ALCUNI NUMERI SULL’ONCOLOGIA DI MARCHE NORD
L’Oncologia di Marche Nord è presente sia sullo stabilimento
ospedaliero di Pesaro che su quello di Fano e ha il numero maggiore di
ricoveri in Day Hospital delle Marche, circa 1500 l’anno: ogni
giorno  varcano la porta del servizio, per sottoporsi al trattamento
chemioterapico, in media 19 pazienti a Pesaro e 23 a Fano. Inoltre
solo l’Oncologia di Pesaro e quella di Ancona hanno posti letto per la
degenza ordinaria.

L’ONCOLOGIA COMPIE 30 ANNI. IL CONVEGNO SUI PERCORSI DIAGNOSTICO  
TERAPEUTICI ASSISTENZIALI
A margine dell’inaugurazione del nuovo reparto di degenza della
Oncologia di Pesaro, si tiene a Palazzo Montani Antaldi un convegno
sui percorsi diagnostico terapeutici assistenziali attivi in Azienda.
Un’occasione di confronto sui trattamenti in corso e sull’approccio
multidisciplinare alle neoplasie a trent’anni dalla nascita del
reparto di Oncologia. Spiega il primario Rodolfo Mattioli: “Durante il
convegno, che vede al centro del dibattito e del confronto i vari
Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali attivati, verranno
affrontate anche le attività che ruotano intorno all’assistenza e
all’umanizzazione del paziente affetto da patologia neoplastica. Da
segnalare il trattamento di  150 pazienti con il sistema DigniCap, un
caschetto che previene la caduta dei capelli nelle donne colpite da
tumore al seno in terapia chemioterapica. Spazio verrà dato anche al
nuovo ambulatorio delle terapie orali domiciliari attivato a Pesaro, e
il nostro staff medico e infermieristico ha partecipato al corso di
formazione all’interno del progetto nazionale Hucare
sull’umanizzazione dell’assistenza oncologica”.

RADIOTERAPIA
Si chiama Versa HD ed è il nuovo acceleratore lineare, con annessa Tac
e lettino adattabile, che dalla fine di marzo è operativo
all’interno  del reparto diretto da Feisal Bunkheila.
Un’apparecchiatura di ultima  generazione che fa slittare il servizio
di Radioterapia in vetta alle  classifiche dei centri più
all’avanguardia d’Italia. In parole molto  semplici, Versa HD riesce a
colpire i tumori di piccole dimensioni –  con radiazione di dosi
elevatissime – senza toccare i tessuti sani, e  riducendo
significativamente il numero di sedute di trattamento.  Installato,
collaudato e messo al lavoro in tempi record (circa 3  mesi), alla
fine di marzo è stato trattato il primo paziente affetto  da tumore
alla prostata. Ma il nuovo acceleratore si presta al  trattamento
delle neoplasie cerebrali, di fegato, polmone e pancreas e
rappresenta una efficace alternativa all’asportazione chirurgica nei
pazienti con rischio operatorio elevato o che rifiutano un approccio
invasivo.
Un investimento della Regione Marche di oltre tre milioni di euro per
una tecnologia di ultima generazione che va ad implementare il parco
macchine, già consistente e di qualità, della Radioterapia, oggi al
servizio del territorio e centro di riferimento anche per i pazienti
provenienti da fuori regione. Una inversione di tendenza, in realtà,
cominciata diversi anni fa.

DETTAGLIO DEGLI INVESTIMENTI
Nel dettaglio, gli investimenti complessivi per gli interventi
strutturali al reparto di Oncologia, finanziati con fondi della
Regione Marche, sono stati pari a euro 331.571,64, più l’acquisto di
nuovi arredi per un importo di euro 118.884.
L’acceleratore lineare Versa HD per attività di stereotassi ha
richiesto un impegno economico, sempre garantito con fondi regionali,
pari a euro 3.175.492.

 

Presidio ospedaliero San Salvatore di Pesaro – stabilimento di Muraglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...