Parla Adua, prima moglie di Pavarotti

Essere la moglie di un tenore famoso, una superstar come Luciano Pavarotti è stato “un lavoro a tempo pieno, non una vita facile”, soprattutto se agli impegni familiari si aggiunge quello di essere agente del divo e di altri cantanti. Parola di Adua Veroni, prima moglie di Pavarotti, che ricorda Big Luciano a 11 anni dalla morte, avvenuta il 6 settembre 2007: a Pesaro, città dove il cantante modenese aveva una villa e a cui era legatissimo, un convegno della Wunderkammer Orchestra ne studia le ragioni del successo, le caratteristiche vocali e momenti più personali. Veroni è tra i relatori con un intervento dal titolo emblematico: “Da una vita normale allo star system: essere moglie e agente di Luciano Pavarotti”. E oggi ricorda “una vita in giro per il mondo, senza privacy” accanto all’esperienza positiva di seguire e aiutare giovani cantanti. “Luciano voleva essere ricordato come un cantante lirico, non un’icona pop, La sua eredità? Grande voce, ma anche rigore nello studio e nella preparazione.

 

ANSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...