Festa Pesaro al via sotto la pioggia. Con foto

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

PESARO – Festa Pesaro è partita, e nemmeno il più classico dei temporali estivi ha potuto fermare l’entusiasmo dei volontari e l’interesse del pubblico di Pesaro. Il taglio del nastro, avvenuto per motivi atmosferici nel salone nobile di Palazzo Gradari in via Rossini, è stato “celebrato” dal presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli insieme alla “padrona di casa”, la segretaria dell’Unione comunale PD di Pesaro, Francesca Fraternali, affiancata dagli “organizzatori operativi” della festa, Massimiliano Amadori e Timoteo Tiberi. Presenti, in platea, l’ex deputato PD Emanuele Lodolini, i consiglieri regionali Andrea Biancani e Gino Traversini.

“Anche quest’anno – ha esordito Francesca Fraternali – Festa Pesaro conferma la location del centro storico. La festa è lo specchio del nostro modo di essere e di fare politica: una kermesse tra la gente, all’aperto, piena di contenuti e di approfondimenti. Ringrazio i volontari per la passione e la generosità che, ogni volta, ci mettono per la buona riuscita della kermesse. Senza di loro, tutto ciò non sarebbe possibile”.

Il primo dibattito ha visto un trio di sindaci discutere della situazione politica del Paese, con al centro la riflessione sul ruolo esercitato dal Partito Democratico. Valeria Mancinelli di Ancona, Dario Nardella di Firenze e Federico Pizzarotti di Parma, intervistati da Andrea Pennacchioli, hanno messo sul tavolo la propria esperienza amministrativa di “primi cittadini” offrendo spunti ed idee interessanti.

“Il consenso – ha sottolineato Nardella – non va considerato come un punto di partenza, ma di arrivo dopo un percorso all’insegna dellìascolto umile delle istanze dei cittadini”. Gli ha fatto eco Pizzarotti: “Per contrastare la cultura dello slogan – ha sostenuto il sindaco di Parma – occorre un grande lavoro che parta dal rilancio dei contenuti del centro-sinistra, chiarendo i messaggi che si vuole trasmettere alla cittadinanza. Dire che stiamo tra la gente non è più sufficiente”. Valeria Mancinelli ha puntato il dito sl governo “gialloverde”: “L’alternativa credibile al governo Conte-Di Maio-Salvini – ha sottolineato il primo cittadino di Ancona – non si costruisce sperando nel fallimento degli avversari. Serve prossimità e capacità di iniziativa a tutti i livelli, da quello europeo fino agli enti locali, a noi sindaci. Vorrei proporre una mobilitazione dei primi cittadini sul tema migratorio, con azioni simboliche ma emblematiche”.

In prima serata, nonostante i ristoranti della festa lavorassero a singhiozzo causa maltempo, il salone di Palazzo Gradari si è nuovamente riempito di tante persone venute ad ascoltare il presidente Luca Ceriscioli, che intervistato da Raffaele Vitali ha fatto il punto sulle politiche regionali operate in tre anni di mandato.

Ceriscioli non ha lesinato riflessioni sull’attuale governo “gialloverde”, con riferimento al consenso di cui – sondaggi alla mano – questo esecutivo sta godendo: “Cinque stelle e Lega hanno ottenuto, più o meno, il 45% dei voti lo scorso 4 marzo – ha esordito Ceriscioli -, mentre oggi i sondaggisti sono concordi nel posizionare l’asticella di entrambi i partiti attorno al 60%. Del resto, loro praticano una politica facile: ogni volta cercano il colpevole, esercitandosi nel tiro al piccione. È un metodo che nel breve periodo paga, ma sono certo che la serietà del PD, nel lungo periodo, sarà premiata”.

Sul PD, a tutti i livelli nazionali e locali, Ceriscioli è stato netto: “Senza un sentimento forte di comunità e il rispetto reciproco il nostro percorso avrà difficoltà. Prima vengono i nostri valori, le nostre proposte e solo alla fine si parla di nomi”. Parole che avranno certamente un eco in questi giorni di riflessione sul cantiere del PD e del centro-sinistra.

La conversazione si è spostata sulle Marche, con tre argomenti principali: infrastrutture, macro-regione e sanità: “Sul piano infrastrutturale in questi tre anni abbiamo avviato molte discussioni: riapertura del dialogo con Autostrade per portare la terza corsia anche nel tratto da Porto Sant’Elpidio a Pedaso. Su questo punto, vediamo cosa diranno i comitati locali. Raddoppio del tratto di Salaria da Acquasanta ad Arquata, che per chi conosce quella zona è davvero strategico. Completamento della Fano-Grosseto, tema annoso che per ottenere qualche risultato ha bisogno di grande convinzione e perspicacia. La mia domanda è: questo governo crede nelle infrastrutture? Ho qualche dubbio”.

Sul piano macro-regionale, le Marche e l’Umbria collaborano da tempo dimostrando feeling ed unità d’intenti: “Siamo le prime due regioni d’Italia – prosegue Ceriscioli – che al di là dei proclami, si siedono ufficialmente ad un tavolo facendo proposte al governo, come se fossero un’unica regione. Sono orgoglioso di questo, e devo ringraziare la presidente dell’Umbria Catiuscia Marini perché anche lei crede come me in questo percorso”.

La sanità è un tema delicato, da affrontare con lucidità e coraggio: “Seguo personalmente, con cadenza settimanale, l’avanzamento del lavoro mirato a ridurre le liste di attesa. Tante piccole e grandi iniziative che vanno nella direzione di ridimensione i tempi di attesa per i cittadini, perché qui si gioca il rapporto di fiducia che la gente ha con l’ente pubblico”. Sugli ospedali unici, Ceriscioli è chiaro: “Si va avanti, in tutte le Marche, con la realizzazione dei nuovi nosocomi, strutture di eccellenza che la cittadinanza imparerà ad apprezzare col tempo. Pesaro, Macerata, Fermo, Ascoli: adesso i cittadini sono rimbalzati da un ospedale all’altro sulla base dell’ubicazione dei vari ambulatori, tra qualche anno faranno dieci chilometri ed avranno tutti i servizi, peraltro di alto livello”.

Un inizio di Festa Pesaro “a tambur battente”, con tanti spunti che saranno oggetto di nuova riflessione nei prossimi giorni. Per consultare il programma digitare www.festapesaro.it. Dirette social dai dibattiti e dai luoghi della festa tutti i giorni, su Facebook, Twitter ed Instagram.

Festa Pesaro

Ph. Luca Toni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...