Giovedì 2 agosto alle 21 il cimitero di Candelara torna ad essere protagonista grazie a “Candelararte Festival”

L’iniziativa, organizzata dalla Pro Loco di Candelara, alle ore 21 nel locale cimitero si snoderà in due momenti differenti. L’obiettivo è di raccontarne la storia ed allontanare i pregiudizi legati alla città dei morti. Fattori: <<L’idea è di vivere il cimitero come contenitore di eventi, trasformando il luogo sacro in un palco che può dare emozioni intense>>. Pieri: <<Contribuiamo a farne conoscere la storia>>
 
PESARO – “Far rivivere il cimitero”. Quello che potrebbe sembrare un ossimoro in realtà è la nuova iniziativa organizzata dalla Pro Loco di Candelara, in collaborazione con Aspes spa. Giovedì 2 agosto alle ore 21 torna la seconda edizione della Notte Noir al cimitero di Candelara: se la prima edizione è stata dedicata a conoscere la storia del locale cimitero e dell’arte funeraria, quest’anno la seconda edizione tratta invece un tema monografico, nello specifico: Vampirismi: la figura del Vampiro nei suoi multiformi aspetti. Dal folklore ad Edward Cullen”. L’appuntamento, che fa parte del “CandelarArte Festival”, è alle ore 21 nel parcheggio del cimitero e si snoda in due momenti differenti. Nella prima parte i presenti saranno accolti dalla dott.sa Valentina D’Aloia che introdurrà la serata e illustrerà ai presenti il concetto di città dei morti e come esso sia cambiato nel tempo. La foodblogger Elisa Prioli preparerà invece un piccolo aperitivo di benvenuto. Infine, i visitatori saranno accompagnati nella cappella del cimitero dove sarà allestita una piccola istallazione pittorica degli artisti ravennati Anna Agati e Alessandro Lonzi.
Subito dopo, quando saranno scese le tenebre, si passerà al vivo della serata dedicata al VAMPIRISMO; i relatori saranno: lo psicoanalista-psicoterapeuta Piergiovanni Mazzoli, la psicologa Laura Brutti, la storica dell’arte Valentina D’Aloia e l’esperto cinematografico giornalista Luca Caprara.
Vampirismi è un evento che svelerà aspetti poco conosciuti e molteplici di una figura di cui tutti, o quasi, pensano di conoscere tutto: il Vampiro. In una cornice suggestiva – spiega la dott.ssa Valentina D’Aloia – la figura del Revenant (Redivivo) verrà affrontata ed approfondita in vari campi: dalle leggende, al folklore, all’isteria collettiva, al fiorire della letteratura attorno all’immagine del vampiro per poi proseguire con la sempre fiorente cinematografia, fino ad arrivare a scoprire gli aspetti legati alla psicologia e all’inconscio. Una serata emozionante dedicata ad una delle figure chiave dell’immaginario collettivo.
Con l’aiuto dello psicoanalista-psicoterapeuta Piergiovanni Mazzoli e della psicologa Laura Brutti faremo una disamina del mito del Vampiro, attraverso un excursus storico a partire dal punto di vista antropologico, sociale e culturale fino a quello psicoanalitico. Si cercherà di indagare le radici mitopoietiche che nel corso degli anni si sono intrecciate con gli aspetti sociali, culturali e psicologici che hanno contribuito a mantenere vivo nei secoli la figura del Vampiro fino ad oggi. Un mito che resiste, con vari adattamenti, e si attualizza costantemente non può non avere profonde radici sia intrapsichiche sia sociali.
La psicoterapeuta Laura Brutti tratterà il vampirismo psicologico e patologico; dalla sindrome di Renfield alle varie “ sette” che coinvolgono ragazzi ma anche adulti interessati alle pratiche e tematiche del vampirismo. Faremo un breve viaggio alla conoscenza della “Lega Italiana Real Vampires”…

  Terminata invece la parte psicologica dedicata alla figura del Vampiro, analizzeremo la sua figura nella storia dell’arte con Valentina D’Aloia e nella cinematografia con l’esperto cinematografico Luca Caprara che introdurrà il suo intervento con una clip dal titolo “Fino all’ultima goccia – Suggestione e dipendenza nel cinema” che ne omaggia l’immaginario. La clip è stata realizzata per l’occasione, l’intervento sarà un breve excursus sul rapporto tra vampirismo e cinema, andando a toccare soprattutto alcuni film, recenti e non, che hanno cercato una rilettura non allineata e ortodossa del mito del Vampiro sul grande schermo”.
L’evento “CandelarArte Festival” ha ottenuto il patrocinio del Consiglio Regionale – Assemblea Legislativa delle Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino, del Comune di Pesaro e del Consiglio di Quartiere 3. <<L’obiettivo della serata, oltre a far conoscere e valorizzare un luogo tra i più cari alla cittadinanza, è quello di vincere alcuni pregiudizi che trasformano la città dei morti in un luogo sacro non vivibile, spiega il vicepresidente della Pro Loco di Candelara Lorenzo Fattori. L’idea di organizzare un’iniziativa del genere è di vivere il cimitero come contenitore di eventi, trasformando il luogo sacro in un palco che può dare emozioni intense>>. <<La gestione dei servizi cimiteriali costituisce un ramo d’attività della nostra Azienda molto importante, commenta il presidente di Aspes spa Luca Pieri. Abbiamo da subito “sposato” l’idea della Pro Loco di Candelara che contribuirà a valorizzare il cimitero di Candelara e a far conoscere la sua storia e la sua identità a tutti coloro che parteciperanno all’iniziativa di domenica sera>>.
 
Lorenzo Fattori
(Curatore dell’evento “CandelarArte”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...