Websolute lancia il sito Best of the Apps, un viaggio solidale nei sapori degli Appennini

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Il progetto è uno dei tre pilastri di Save the Apps, iniziativa

promossa da Fondazione Aristide Merloni e Fondazione Vodafone Italia a favore delle aree terremotate

 

 

06/07/2018 – “Scopri, assaggia, vota”: sono questi i passaggi chiave che descrivono l’esperienza di Best of the AppsApennines food ranking, il nuovo progetto ideato e sviluppato dalla digital company Websolute (10 sedi fra l’Italia e l’estero) per Fondazione Aristide Merloni e Fondazione Vodafone Italia, che ne hanno presentato ufficialmente la piattaforma ieri (giovedì 5 luglio) a Roma.

Best of the Apps rappresenta uno dei tre pilastri del più ampio progetto Save the Apps – Apennines Discovery, iniziativa promossa dai due autorevoli enti no profit per rilanciare l’economia e il turismo dell’Appennino dell’Italia centrale, messo in ginocchio dal terremoto del 2016.

Collegandosi al sito bestoftheapps.it, si è proiettati in un viaggio fra le eccellenze artigianali di un territorio generoso quanto flagellato, compreso fra Marche, Abruzzo, Umbria e Lazio, per acquistare online prodotti di qualità, conoscere la storia di ogni produttore, votare le aziende e infine scoprire luoghi ricchi di fascino, appuntamenti e itinerari dove poter trascorrere la prossima vacanza o una gita fuori porta.

Dalla home page è possibile scegliere già con un colpo d’occhio fra le 4 categorie in cui si dividono le tante produzioni di qualità: olio, salumi, formaggi e confetture. Oltre cento referenze per ogni categoria per un totale di 135 produttori: sono questi i numeri del progetto in partenza, destinati a crescere rapidamente con il tempo.

La vendita dei prodotti disponibili in ecommerce avviene sul marketplace Amazon, dove è nata l’apposita vetrina “Best of the Apps”: quando dal sito bestoftheapps.it si completa il carrello con tutti i prodotti desiderati, la fase dell’acquisto avviene in una sola operazione tramite piattaforma Amazon.

Non solo viaggio virtuale tra i sapori: il fine ultimo del progetto resta quello di favorire la ripresa dell’economia (produttiva ma anche turistica) nelle aree del terremoto, quindi incentivando l’utente a ri-scoprire territori spesso ingiustamente cancellati dalle rotte turistiche.

Innescando un circuito virtuoso fra marketing territoriale e di prodotto, il progetto Best of the Apps fa leva su uno storytelling autentico, trasparente, mai compassionevole. Tanto che non tutti i prodotti sono disponibili per l’immediato acquisto online, per ovvi motivi logistici: così si scarica un coupon da presentare direttamente al produttore o nelle varie sagre e manifestazioni sul territorio. Ancora una volta, incentivando il turismo.

«Dare un futuro alle aree terremotate rilanciando l’Appennino è l’obiettivo chiave del progetto. Il sito non nasce da una specifica esigenza commerciale, ma ha una visione più ampia» spiega Claudio Tonti, Direttore Creativo & Head of Digital Strategy di Websolute. «Una volta spentisi i riflettori dei mass media, si voleva continuare a dare visibilità, ma in chiave positiva, a quei territori ricchi di eccellenze gastronomiche uniche. Così anche l’aspetto del voto non traduce semplicemente il gradimento del prodotto o del brand, ma rappresenta in senso più ampio un forma di condivisione e “supporto morale” per la storia aziendale, che spesso è la storia di una famiglia la cui vita è stata profondamente segnata dal terremoto»

 

«Per lo sviluppo del sito, Websolute ha lavorato al fianco del team di Save the Apps incaricato dalle Fondazioni per avviare tutti i contatti con i produttori e gli enti delle aree interessate: un lavoro complesso non solo dal punto di vista logistico ma anche psicologico, per l’approccio con abitanti provati, disillusi, se non diffidenti» racconta Elisa Gori, Head of Project Leader di Websolute. «Il risultato è il frutto di un complesso lavoro di squadra anche sul lato umano, cosa che ci rende ancor più orgogliosi di averne fatto parte».

La conferenza stampa di giovedì arriva con puntualità ad un anno esatto dal lancio ufficiale che il 5 luglio 2016 aveva previsto l’avvio del progetto di lì a 12 mesi. A presentarne i risultati ed i prossimi obiettivi, sono stati Francesco Merloni presidente di Fondazione Aristide Merloni ed Enrico Resmini presidente di Fondazione Vodafone Italia, con l’intervento dei rappresentanti di Websolute e di Amazon Italia.

Il progetto Save the Apps si articola in tre sottoprogetti e vede coinvolta Websolute non soltanto per il sito Best of the Apps, ma anche per un secondo asse che riguarda più direttamente il settore del turismo grazie a un’innovativa app, “Camminatori dello Spirito” che presenterà 20 percorsi trekking e bike, distribuiti nelle 4 regioni interessate, e accompagnerà i visitatori alla scoperta di luoghi significativi dal punto di vista spirituale, storico e naturalistico.

SAVE THE APPSSave the Apps è un progetto di Fondazione Aristide Merloni e Fondazione Vodafone Italia  per il rilancio economico dell’Appennino. Obiettivo dell’iniziativa è di ripartire dal territorio, valorizzandone caratteristiche e peculiarità, per rilanciare alcuni settori produttivi fortemente penalizzati dalla drammatica vicenda del terremoto che ha colpito lo scorso anno Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Il progetto si articola in tre sotto-progetti: il sito Best of the Apps, destinato alla promozione dei prodotti tipici e delle specificità del territorio; Camminatori dello Spirito, una app (in via di sviluppo, anche questa realizzata da Websolute) che offre una mappatura di itinerari, sentieri e percorsi fra eremi, abbazie millenarie; La produzione di nocciole, per rilanciare l’agricoltura nel territorio dell’Appennino sfruttando le nuove tecnologie all’insegna di innovazione e sostenibilità.

WEBSOLUTE - Eccellenza italiana fondata nel 2001, Websolute è una digital company internazionale a cui fa capo un network di eccellenze specializzate verticalmente in ambiti di grande interesse per il mercato, quali la digital strategy, l’ecommerce (sia in termini di tecnologie che di management per i propri clienti), il performance marketing, lo sviluppo di applicazioni mobile e le attività di video storytelling e Youtube advertising. Guidata da Lamberto Mattioli direttore generale, Claudio Tonti direttore creativo e responsabile digital strategy e Maurizio Lanciaprima CFO e direttore business & e-commerce, Websolute conta oggi 150 dipendenti e 10 sedi, di cui una in Cina (2 a Pesaro, e poi Milano, Roma, Treviso, Arezzo, Pisa, Ancona, Salerno e appunto Shanghai).

http://www.websolute.com




Ufficio stampa:
Omnia comunicazione
Chiara Zanzani

			

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...