Ultima giornata del Docfest 2018, fra libri, l’onorevole Boldrini e documentari

L’edizione del Docfest 2018 si sta concludendo con dei bilanci veramente positivi, per qualità e partecipazione di pubblico. Ne è molto soddisfatto il direttore artistico Luca Zingaretti che, sta’ già pensando alla prossima edizione del 2019. La serata di ieri ha visto la presentazione del libro di Giuseppe Cesaro dal titolo INDIFESA (casa editrice La Nave di Teseo) E’ la storia di una solitudine di Andrea, un bambino che sa di non essere come gli altri: guarda fuori dalla finestra della sua scuola privata e feroce, sognando di sfuggire alle cattiverie dei suoi compagni. Andrea è sempre indietro rispetto ai tempi e il padre è un uomo severo, agli inizi degli anni sessanta e delle contestazioni cerca di far rimanere fuori da questo clima Andrea che continua a crescere chiuso e solo, tra il sogno della musica e il richiamo del mare, intrappolato in un corpo misterioso che soltanto la madre, con delicatezza e complicita’, saprà comprendere e proteggere, fino a quando, nell’incontro con Livia, forse potrà schiudersi anche per lui una nuova possibilità di essere accolto e amato. La vita onesta pura e indifesa di Andrea va incontro e supera le violenze più dure, varcando i confini e i segreti della sua identità. Una parabola sulla solitudine, la ricerca, l’esclusione, una storia su quanto lontano dalle nostre ferite riesca a portarci il riscatto dell’amore.

 

L’intervista all’onorevole Laura Boldrini da parte della giornalista Matilde D’Errico, si basa su un tema di drammatica attualità, la violenza sulle donne e il ribaltamento PERCHE’ IL MONDO HA COSI’ TANTA PAURA DELLE DONNE? Laura Boldrini è tornata, dopo l’incarico istituzionale, a fare politica e, soprattutto, si sta interessando della situazione femminile. Le donne continuano a essere uccise,maltrattate, umiliate, insultate. Ogni giorno nella civilissima Italia abbiamo notizia di una donna uccisa. Quando si parla di violenze sulle donne occorre pensare che i dati a noi noti sono solo la punta dell’iceberg, perché tra le mura domestiche e nei posti di lavoro esiste un sommerso spaventoso. E oggi la violenza sulle donne avviene anche in rete, attraverso i social.

 

Un documentario esclusivo è quello fatto su una serie di interviste di Francois Busnel al grande scrittore americano Philip Roth, recentemente scomparso, in cui lo scrittore rivela che quella registrata sarebbe stata l’ultima intervista,dal titolo ENCOUNTER WITH PHILIP ROTH.

 

Ultima visione di grande interesse è quella del documentario WHEN GOD SLLEEPS di Till Schauder. La storia del cantautore iraniano Shain  Najaff e le sue canzoni censurate dal regime iraniano. La sua fuga in Germania,la storia d’amore con la figlia del primo ministro iraniano. Una lotta fra la musica che compone contro il regime e la sua vita privata, un’estenuante lotta contro il silenzio.

 

 

PAOLO MONTANARI

Foto di repertorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...