Ricci: “Una città sempre più attrattiva. Con il parco acquatico sarà un’estate ancora più bella”. Con foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inaugurato il Sunset Island Pesaro/La concessione a Canto Pirata, Sport Village e ditta Dallago

“Vogliamo essere una città sempre più attrattiva e accogliente, piena di eventi e manifestazioni. Lo facciamo con tante cose, dalla cultura alla bicicletta, allo sport e ai motori. Ma lo facciamo anche valorizzando il fatto che Pesaro è una città balneare. Noi lo sappiamo bene, ma non tutti lo sanno”.

Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci è raggiante, non riesce a nascondere la propria soddisfazione vedendo il parco giochi allestito e già aperto.

Spiaggia gremita di bagnanti, sole scintillante, brezza leggera. La spiaggia dietro Pesaro Studi non poteva accogliere meglio il taglio del nastro del Sunset Island Pesaro.

Ricorda il sindaco: “In questi anni abbiamo deciso di promuovere questa nostra identità balenare provando a giocare col sole: nel 2014 ci siamo inventati l’allungamento della stagione, perché è stata un’estate brutta dal punto di vista meteorologico. L’anno successivo abbiamo avuto l’idea dell’assicurazione sul sole, per cui chi viene a Pesaro, se dovesse piovere tanto, potrà ritornarci gratuitamente. L’anno scorso abbiamo inventato il tramonto a est, perché la nostra città, insieme ad Ancona è uno dei pochi luoghi del mare Adriatico con  l’effetto ottico di vedere il sole tramontare sul mare, ma il tramonto è comunque a ovest. Quest’anno abbiamo continuato a giocare col sole, con il nostro parco acquatico galleggiante a forma di sole e dal quale si potrà vedere anche il tramonto. L’obiettivo è quello di rendere la città più innovativa e più attrattiva e di conseguenza più turistica. Sono molto contento, dobbiamo continuare in questa direzione, abbiamo ancora tanto da fare, sono convinto che sarà un’estate ancora più bella”.

A investire nell’iniziativa Pesaro Parcheggi e Aspes spa. “Pesaro Parcheggi ha attivato l’iter per realizzare questa importante opera – ha detto Luca Pieri, presidente Aspes spa – che va incontro a quelle che sono le volontà dell’Amministrazione comunale di rendere Pesaro sempre più attraente e competitiva dal punto di vista turistico. Sul progetto, Pesaro Parcheggi ci ha lavorato tantissimo, in sostanza da quando il sindaco ha lanciato l’idea. È stato un investimento importante: 105 mila euro che rientreranno con il canone di gestione dato ai privati”.

Il parco acquatico è a forma di sole, con una superficie coperta di 1.150 mq circa.

“Abbiamo realizzato un parco che sicuramente darà tante emozioni – ha spiegato il direttore di Pesaro Parcheggi Giorgio Montanari -. Un parco innovativo per l’offerta turistica il cui obiettivo è quello di sviluppare il turismo nella nostra città. Il parco è a forma di sole e poggia su un gambo, come quello di un fiore. L’area coperta è di 1.150 metri quadri sulla quale poggiano 31 giochi”. La distanza dalla battigia alla pedana è di 48 metri e i giochi si trovano tra 70 e i 90 metri. All’ingresso della pedana  la profondità dell’acqua è di un metro e mezzo, mentre all’altezza del  primo gioco è di due metri e mezzo e dell’ultimo gioco di 3.50 metri.

“È stata una scommessa che siamo riusciti a vincere anche contro il tempo – ha rimarcato Andrea Sebastianelli di Pesaro Village -, soprattutto perché abbiamo lavorato come una grande squadra… i tecnici del Comune, Pesaro Parcheggi, Aspes spa, i vigili del fuoco, l’Asur, la Capitaneria di porto, la Cri, Sport Village, Canto pirata e Dallago… abbiamo lavorato, una cinquantina di persone, a testa bassa per riuscire a raggiungere questo risultato. Siamo molto soddisfatti di esserci riusciti, ci sono  tutte le prospettive per fare una bellissima estate”.

La concessione demaniale per la gestione del parco galleggiante e dei locali pertinenziali per attività di pubblico esercizio (bar-ristorante) è andata al raggruppamento temporaneo d’imprese  verticale formato da Canto Pirata, Sport Village e ditta individuale Giovanni Maria Dallago.

Dunque, il Comune non ha speso e non spenderà un euro. Sottolinea Matteo Ricci: “Il pubblico non ci mette un euro, il parco acquatico non lo facciamo con i soldi del Comune – conclude -,  a parte il fatto che non ci sarebbe niente di male. Il Comune ha avuto l’idea, Pesaro Parcheggi e l’Aspes hanno fatto l’investimento, i privati hanno partecipato ad un bando e si sono visti assegnare la gestione; in 5 anni ridaranno a Pesaro Parcheggi ciò che ha speso. E dunque facciamo ai privati un grande in bocca al lupo”.

Il parco galleggiante misura 25 metri per 25 m, resterà aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle 19 (salvo avverse condizioni meteo o mareggiate). L’ingresso è consentito dai sette anni in poi (fino a 14 anni accompagnati da un adulto).

 

Comune di Pesaro

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...