Incontro con il responsabile del centro d’ascolto della Caritas, nella sede del Pd centro. Grande partecipazione

Bisogna partire dai fatti concreti e il segretario del Pd centro, Luca Storoni, lo ha ribadito a chiare lettere nella presentazione di Andrea Mancini, responsabile del centro d’ascolto diocesano della Caritas, in un incontro molto seguito e partecipato, nella sede del Pd in via Mastrogiorgio. Storoni, con una sintetica riflessione ha sottolineato come “abbiamo pagato lo scotto di una politica del fare e lasciato indietro la percezione e il cambiamento di questi tempi. E’ vero che è tutt’ora in atto la crisi economica e il fenomeno della globalizzazione, portando all’allargamento della forbice per la ridistribuzione della ricchezza, quando in realtà sono molto consolidate le fasce di povertà”. E allora Storoni, ma anche molti iscritti al Pd, sentono la necessità di aprire un primo canale di ascolto, che non deve avere una funzione politica, ma prettamente sociale, che permetta di conoscere meglio il territorio e le esigenze dei cittadini. La presenza di Andrea Mancini ha assunto duinque un duplice significato: quello pedagogico, che poi è il dna dell’operato della Caritas, e quello di testimonianza. E’ importante ha sottolineato Mancini non solo distribuire pacchi viveri, ma anche formare le persone, nel campo del volontariato e gli ospiti, come li chiamava don Gaudiano. Da questo in più è sorta spontaneamente, da parte degli iscritti presenti all’incontro, la necessità di realizzare una agenzia di volontariato civile, che non deve avere una dimensione politica ma sociale. Mancini seguendo un iter pedagogico ha poi illustrato le attività e le finalità della Caritas diocesana.

Qual è la situazione delle persone disagiate oggi a Pesaro. Cosa sta facendo la Caritas fra vecchie e nuove povertà? E a questo punto solo i dati ci possono fare vedere le problematiche, che poi sono state approfondite con molta intelligenza e senza rischi demagogici.

“A Pesaro nel 2017 nel centro d’ascolto di via Mazzini, sono arrivate 1500 persone bisognose, di cui 500 nuove e 1000 riconfermate. Per queste persone sono stati erogati 30.000 servizi fra cui doccie, pacchi alimentari, assistenza legale etc. Alla mensa di via del Teatro unica realtà territoriale che eroga pasti caldi, vengono distribuiti una media di 25.000 pasti caldi e gli utenti sono persone residenti bisognose e di passaggio. Nel 2017 sono stati distribuiti 6000 pacchi alimentari ad altrettante persone con nuclei famigliari. Certamente sono viveri a lunga conservazione, ma per quanto riguarda la distribuzione di viveri quotidiani, verdure, pane, dolci, non abbiamo una struttura di volontari adeguata per svolgere questi servizi, ad iniziare dai furgoni con le celle frigorifere. Ai poveri, molte sono le famiglie pesaresi senza lavoro, in quanto il LAVORO E L’ABITAZIONE, sono le principali esigenze in questo momento. In un anno a Pesaro, città tranquilla e apparentemente controllata, transitano 700 senza fissa dimora”.

Dati che fan riflettere a cui si aggiungono problematiche legate al sistema sanitario e all’utilizzazione dell’emporio per il vestiario di Villa Fastiggi. Nell’ambulatorio medico nella cittadella della solidarietà in via Passeri, a pochi metri dal centro d’ascolto e dalla mensa, si spendono in medicine 300 euro al mese. Perchè nella regione Marche gli italiani non residenti non hanno il diritto del medico di base. Questo centro serve anche per far recuperare la dignità delle persone. Anche l’emporio per il vestiario con un punteggio che permette di prendere i vestiti, rientra in questa sfera di recupero della dignità. Allora occorrerebbe, e questa potrebbe essere un punto programmatico anche del Pd, di sensibilizzare e conoscere il territorio anche con le creazione di tutor volontari, che vanno alla ricerca negli angoli della città , i nuovi e vecchi poveri, che spesso per un senso di pudore non sono appariscenti.

PAOLO MONTANARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...