BOLLITI D’ITALIA: arrivederci a novembre

 

Termina con un bilancio positivo la prima edizione dell’iniziativa ‘Bolliti D’Italia’ che ha permesso di gustare nei ristoranti aderenti, questo antico piatto della nostra cucina a prezzo promozionale.

“Il progetto è stato molto apprezzato dagli amanti della buona tavola ed in particolare dagli appassionati di bollito –spiega Otello Renzi, gastronomo e sommelier, curatore dell’iniziativa- perché ha permesso di riscoprire tagli non più usuali, a volte difficili da trovare anche nelle macellerie, valorizzando il ‘quinto quarto’ che molti buongustai non hanno dimenticato: si tratta delle parti meno pregiate dell’animale, dalla coda, alla lingua, dalla pancia alle interiora, protagoniste di un grande piatto e che questa iniziativa ha voluto riproporre. Occorre sottolineare –aggiunge Renzi- anche l’attenzione dei ristoranti aderenti non solo nella preparazione del piatto, che doveva rispondere ad un rigido disciplinare, ma anche nella proposta dei vini in abbinamento per i quali avevamo consigliato il Bianchello del Metauro Doc Superiore e il Pergola Doc. Tale abbinamento è stato particolarmente apprezzato per la capacità di valorizzare sia il vino, sia il piatto”.

“La curiosità –prosegue Giorgio Bartolini direttore Confesercenti Pesaro Urbino- è che numerose persone hanno visitato non solo un ristorante, ma almeno quattro o cinque tra quelli aderenti, forse per valutare le qualità dei piatti proposti o per apprezzarne le differenze. Ci è sembrato che gli appassionati di bollito attendessero con impazienza un’iniziativa come la nostra, proprio per avere ancora la possibilità di gustare questo piatto della tradizione non sempre facilmente reperibile nei ristoranti. Questo interesse ci stimola a riproporre l’iniziativa anche in futuro, magari a novembre quando è ancora più piacevole gustare un bollito caldo in contrasto con il freddo dell’inverno. Nell’occasione riproporremo anche i ‘tour del bollito’, organizzati dal tour operator Tuqui Tour di Fano per scoprire, oltre alla buona cucina locale, anche le bellezze del nostro territorio”.

Apprezzato anche l’abbinamento con i contorni composti da verdure e legumi: “In particolare l’idea di accostare i legumi alla carne –afferma Risiero Severi responsabile del Consorzio dei Legumi di San Sisto- ha confermato la versatilità di questo prodotto, e ci ha permesso di proseguire sulla strada di una alimentazione sana e naturale, realizzata sulla base dei prodotti del territorio”.

L’iniziativa è stata promossa da Confesercenti Pesaro Urbino, Bovinmarche, Unpli Pesaro Urbino, Adusbef, Accademia Italiana della Cucina, Slow Food Urbino, Compagnia del Montefeltro, Camera di Commercio Pesaro Urbino, Consorzio Legumi di San Sisto e Tour Operator Tuqui Tour con il patrocinio del Comune di Pesaro.

 

CONFESERCENTI PESARO URBINO

Via Salvo D’Acquisto, 7 – 61121 PESARO

http://www.confesercentipu.itinfo@confesercentipu.itFacebook

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...