LEGGERE, LEGGERE….RIFLETTERE, rubrica editoriale a cura di Paolo Montanari

 

E’ uscito in libreria fresco di stampa il libro di fotografie di Bernardo Valli, pro rettore dell’Università di Urbino, docente universitario,critico cinematografico e fotografo.
Titolo del libro IL SENSO DI UN LUOGO (Liguori Editore) Scrive Eugenio Turri nell’incipit del volume: IL PAESAGGIO NON E’ SOLTANTO, COME LO INTENDONO I GEOGRAFI, LO SPAZIO FISICO COSTRUITO DALL’UOMO PER VIVERE E PRODURRE, MA ANCHE IL TEATRO NEL QUALE OGNUNO RECITA LA PROPRIA PARTE FACENDOSI AL TEMPO STESSO ATTORE E SPETTATORE. Il libro di Valli non è un semplice libro di fotografie, una guida su Urbino, la città natale dell’autore, ma è un montaggio fotografico arricchito da scritti molto profondi del prof. Valli, dialettici fra loro in cui si vuole recuperare il significato del senso e della cultura di una delle città più belle del mondo e riconosciuta dall’Unesco, patrimonio dell’umanità. Ma come è nata l’idea da un professore universitario di realizzare un libro fotografico? Innanzitutto Valli da giovane è stato un bravo fotografo, che aveva frequentato il Centro nazionale di Cinematografia a Roma, avendo come insegnante Roberto Rossellini, da cui ha imparato come fare la fotografia e saper leggere il cinema. Ma il motivo principale è che Valli, innamorato di Urbino, vuole attribuire a questa città un valore, soprattutto i valori estetici che “non sono troppo interpretati dagli abitanti di vario tipo.” Riportando quanto diceva Paolo Volponi: “Chiunque saliva in piazza, cittadino o contadino, guardava il paesaggio e capiva ogni cosa, il giro del sole e il posto degli edifici, così come era contento di trovare il suo, all’ombra o al sole che fosse. Nelle fotografie Valli interpreta e narra la città nelle vie tortuose, nei piccoli camminamenti, da cui vi sono sorprendenti visioni paesaggistiche che ritroviamo nei quadri di Piero della Francesca e di Raffaello. Il centro storico rientra nel paesaggio dell’anima di Carlo Bo, grande cantore di Urbino, “Torri che operano una specie di dislocamento prospettico di un buon numero di gradi, e sotto di loro viene assestata una grande piazza pensile, il Mercatale, che è di fatto il parterre di un incomparabile teatro architettonico”, così scrive Andrea Emiliani ne “Il Paesaggio italiano”. E Bernardo Valli vuole riscoprire e salvaguardare questo paesaggio, che è frutto di un lungo processo culturale in cui uomo e ambiente si sono create straordinarie sinergie e scambi anche simbolici, che sono diventati i cardini di un’identità culturale ancora presente. Sul paesaggio italiano si è soffermato il più grande intellettuale del Novecento, Pier Paolo Pasolini e Urbino nel rapporto fra sfondo-figura con la sua unica architettura, rappresenta un luogo che Pasolini visitò ed osservò. In Urbino e nel suo territorio vi è un ritorno alle origini come dice bene Carlo Bo, in riferimento al romanzo “L’uomo delle Cesane” di Umberto Piersanti: “Questo ritorno alle origini, consacrato soprattutto alla memoria della nonna , avviene nella maniera più semplice e in un contesto che non si fa mai favola ma è presenza, passione e carica vitale”. E sempre in Città dell’anima, Bo scrive: “Ci sono paesi di cui non si può mai dire che si è finito di conoscere l’anima. Uno di questi è Urbino, anzi si sarebbe tentati di sostenere il primato e l’unicità della sua posizione. E questo per diverse ragioni. Innanzitutto per la natura così imprevedibile nei suggerimenti e nelle invenzioni e poi per la sua storia, meglio per la vicenda umana che qui si è espressa una volta per tutte”. Un libro fotografico di alto livello artistico che dovrebbe di diritto rientrare nella ricca letteratura fotografica marchigiana.

Paolo Montanari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...