Intervista al presidente di Legambiente di Pesaro e Urbino, prof. Enzo Frulla. Allarme inquinamento

Continuano le iniziative a livello provinciale di Legambiente. Ne parliamo con il presidente, prof. Enzo Frulla, che da molti anni è impegnato a 360 gradi, anche nel settore del volontariato, per la tutela dell’ambiente e la salute delle persone.

-Presidente Frulla, questa neve ha paralizzato il territorio provinciale. Ma come ha spiegato il prof. Tiezzi vi sono anche numerosi lati positivi, da questa tardiva nevicata…..

“Certamente, perché la neve anche se è caduta a fine febbraio inizio marzo, bisogna risalire al 1971 al 6 e 7 marzo per ritrovare una abbondante nevicata, ha portato molti benefici: le falde acquifere si sono arricchite, i ghiacciai si sono riconsolidati e vi sono meno minacce di valanghe e, soprattutto, per un fenomeno geo mondiale potrebbe servire per prevenire l’avanzamento dei deserti. Il cambiamento climatico porta a questi squilibri, che invece anche delle forti nevicate in ampi spazi geografici, potrebbe essere una barriera protettiva. Si è dibattuto e si continuerà a dibattere degli esodi migratori dai paesi africani. Molti di questi sono determinati dalle guerre. Ma altri dalla fame, dall’avanzamento del desereto, la siccità e l’impossibilità di creare colture agricole. Ecco perché la gente emigra. Vorrei vedere se avessimo la stessa sorte noi paesi occidentali. Gli esodi continueranno; vanno regolamentati, come ha fatto Minniti in un accordo dei paesi europei. Un altro aspetto che non dobbiamo mai dimenticare è il cambiamento climatico e la riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Come Legambiente cerchiamo di sensibilizzre sempre più la gente ad utilizzare i mezzi pubblici, di sviluppare l’uso dei mezzi elettronici e usare la bicicletta. Siamo una città sul modello olandese, con le nostre piste ciclabili, perchè non sfruttarle adeguatamente. Mens sana in corpore sano”.

-Se non sbaglio come Lega ambiente, avete fatto un’osservazione al Piano urbano della mobilità sostenibile, con lo sviluppo della smart working, cioè il telelavoro. Non le sembra che ancora non siamo pronti a questo cambiamento di mentalità a livello sociale, come già sta avvenendo in Giappone?

“Certo ci vorrà del tempo, ma le nuove generazioni, legate di più ai mezzi informatici, stanno mettendo in pratica lo smart working, soprattutto se si tratta di lavoro in confronto ai clienti e non solo amministrativo. Certo ci vorrà del tempo per farlo estendere. Ma quanto risparmio energetico e diminuzione di inquinamento si possono ottenere!”.

-Una delle vostre sfide a livello provinciale e nazionale sono legate allo sfruttamento delle bioenergie. Perchè?

“Perchè siamo convinti che non occorre utilizzare più le fonti energetiche fossili, ma utilizzare il solare, eolico e idraulico, le cosiddette energie rinnovabili e gli scarichi degli impianti utilizzati dal biogas, gli scarti dei rifiuti, che attualmente coprono il fabbisogno energetico di 4000 persone nella nostra provincia”.

-Nel 2017 avere fatto numerose campagne di sensibilizzazione. Ce le può riassumere e parlare invece dei prossimi impegni del 2018?

“Nel 2017 abbiamo avuto una serie di iniziative: contatti con il pubblico, la differenziata per i rifiuti, la bio architettura, la riduzione delle emissioni degli idrocarburi e in questo periodo stiamo avendo nelle scuole degli incontri sul terremoto, sul recupero dei beni artistici e culturali, ben 700 studenti coinvolti negli istituti Nolfi e Apolloni di Fanio e Mengaroni di Pesaro. In questi primi mesi del 2018 abbiamo in programma: il 18 marzo alle ore 20,00 al punto Macrobiotico di via Diaz un incontro sulla sana alimentazione e nello stesso giorno metteremo un banchetto Strapanoramica per istruire le persone a non scherzare con il fuoco, dopo quello che è successo l’anno scorso”.

 

Paolo Montanari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...