Nasce con encefalopatia, Ausl paga 3 mln

 

RIMINI – Il Tribunale di Rimini ha condannato l’Ausl Romagna a un risarcimento di 3 milioni di euro in favore di due genitori pesaresi, assistiti dall’avvocato Bruno Barbieri del foro di Pesaro, e al figlio di 8 anni affetto dalla nascita da encefalopatia ipossico ischemica. La vicenda – riportata da ‘il Resto del Carlino’ – risale al 2009 quando la donna si era rivolta all’ospedale di Rimini, a 39 settimane e 4 giorni di gravidanza per una prematura rottura delle membrane. I medici però avevano atteso 31 ore prima di stimolare il travaglio per far nascere il piccolo e questo ritardo ha provocato nel neonato una lesione cerebrale irreversibile. Secondo i periti del Tribunale che ha dato ragione alla coppia assegnando il risarcimento milionario, se il travaglio fosse stato indotto 5 ore prima si sarebbero evitati gli esiti nefasti.

ANSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...