Leggere, leggere…capire, rubrica editoriale a cura di Paolo Montanari

La lettura è un mondo sterminato di sapere e interessi. Questa settimana vorrei porre all’attenzione dei lettori dei saggi di varie discipline che servono a fare riflettere.

 

 

Mirko Tavosanis è l’autore nella collana Bussole di Carocci editore del libro LINGUE E INTELLIGENZA ARTIFICIALE. Le tecniche di intelligenza artificiale stanno ampliando in modo sorprendente le capacità di elaborazione automatica del linguaggio. Gli assistenti vocali, da Siri a Cortana fino, ad Alexa e Google, sono diventati rapidamente strumenti versatili e diffusi. Usare la voce per dettare testi e messaggi è un’esperienza di tutti i giorni e in tutto il mondo con Skype. Tuttavia, non sempre è facile rendersi conto di quali sono le potenzialità o i limiti delle nuove tecnologie. Google è disturbato dagli accenti regionali? Il libro presenta per la prima volta una descrizione sistematica degli strumenti disponibili, un controllo delle loro capacità reali e qualche ipotesi sugli effetti che possono avere sulla comunicazione umana.

 

 

ORIGINE DELL’ESTETICO. Dalle emozioni al giudizio di Fabrizio Desideri, professore di Estetica all’Università di Firenze, (Carrocci editore) che si pone una serie di interrogativi: Che cosa c’è all’origine di fatti e atteggiamenti estetici tipici della nostra specie? Quale ruolo vi giocano le emozioni? In che rapporto sta la dimensione estetica dell’esperienza con quella cognitiva? Per rispondere a tali, domande l’autore propone un’appassionante indagine che, partendo da un’analisi delle emozioni e attraversando la questione della nostra capacità di percepire immagini, arriva a definire la funzione di schemi estetici operativi sin dalla prima infanzia. La parte centrale del libro è quindi dedicata al tema cruciale del piacere estetico, affrontato sia sullo sfondo di autori classici come Aristotele e Kant, sia in dialogo con recenti analisi sperimentali. Su questi basi è delineato un meccanismo estetico specifico della nostra mente, che si alimenta di dispositivi emozionali primari e coinvolge le facoltà cognitive superiori. Nell’ipotesi di un meccanismo estetico l’autore coglie quindi la matrice stessa della cognitività umana e il preludio del linguaggio.

 

 

Carmen Belacchi è l’autrice de LO SVILUPPO PSICOLOGICO. Teorie e interpretazioni (Studi Superiori Carocci editore). Il volume propone una rappresentazione integrata del fenomeno di crescita e formazione dell’individuo reale, così come lo esperiamo nella quotidianità,sollecitando un atteggiamento interrogativo e critico verso il problema dello sviluppo psicologico dell’essere umano e verso la conoscenza che se ne è sin qui prodotta. La focalizzazione sulla continuità dell’indagine tra filosofia e psicologia è volta a fornire un quadro di riferimento concettuale per una comprensione unitaria e articolata dello sviluppo psicologico e dall’altro, a stimolare un approccio euristico all’analisi di qualsiasi fenomeno in termini evolutivi, in grado cioè di descriverlo, di ricostruirne l’origine, le cause, i fini, gli esiti e i momenti cruciali di trasformazione. In particolare si vuole individuare le rispettive specificità, ma anche i punti di contatto e le complementarità e possibili integrazioni tra le principali teorie di psicologia dello sviluppo.

 

 

STUDI CULTURALI E SCIENZE SOCIALI. Fatti, testi e contesti di Luca Salmieri (Carocci editore). Nelle scienze sociali si fa riferimento alla svolta culturale. Questo libro nasce dall’esigenza di ricostruire storicamente il cambiamento di approccio e di pensiero che ha attraversato i diverrsi campi delle scienze sociali, determinando un distanziamento dalle epistemologie positiviste a favore dell’interpretazione dei significati dell’agire umano. La svolta culturale non costituisce un paradigma proposto in maniera unitaria, consapevole e programmatica da parte di un gruppo coeso di autori, ma coagula un insieme di tendenze nuove, asistematiche e indipendenti che convergono, in momenti e modi diversi, vero un generale ri-orientamento delle scienze sociali e una maggiore e più estesa considerazione della cultura, dei fenomeni culturali e del loro carattere simbolico. Eventi e fenomeni extra-accademici hanno accompagnato e stimolato questa radicale trasformazione: il movimento per i diritti civili, il femminismo, le contestazioni giovanili e più in generale tutte le rivendicazioni di fine secolo hanno favorito l’emergere della cultura come aspetto fondamentale dell’esistenza soggettiva e collettiva.

 

Paolo Montanari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...