La WunderKammer Orchestra debutta a Modena, sabato 27 gennaio al Teatro Pavarotti

Questo slideshow richiede JavaScript.

In occasione della Giornata di commemorazione delle vittime dell’Olocausto, con il “Concerto della Memoria e del Dialogo”, una coproduzione della WKO con Fondazione Teatro Comunale di Modena, Amici della Musica di Modena, in collaborazione con Fondazione Villa Emma e con il patrocinio della Comunità Ebraica di Modena e Reggio Emilia.

Dopo il grandissimo successo del 7 gennaio scorso in cui l’ensemble pesarese ha finalmente debuttato nella propria città al Teatro Rossini inaugurando il 150° anniversario rossiniano con un tutto esaurito, si torna in scena con un progetto fortemente significativo delle intenzioni e della “poetica” della WKO, impegnata a sperimentare modi e forme che rendano la musica sempre più accessibile nonché strumento di dialogo, di condivisione e di solidarietà.

In programma musiche di Beethoven, Allegro con brio dal Concerto n.3 op.3, adattamento per WKO e cadenza concertante di P. Marzocchi; Schwarz, Ich hab kein Heimatland (Jüdischer Tango); Korngold, due lieder dai Lieder des Abschieds op.14; Ullmann, due movimenti da Sonate elaborazione per ensemble di C. Rastelli; Zemlinsky, Quattro Fantasie su poesie di R. Dehmel op.9, elaborazione per WKO di R. Cima; Marzocchi, Heimatlos e Fuocoammare, canzone tradizionale orchestrata per WKO. Sul podio Carlo Tenan, direttore musicale dell’Orchestra, al pianoforte Paolo Marzocchi, direttore artistico WKO, soprano Grazia Doronzio, baritono Maurizio Leoni.

Il concerto tratta in modo esplicito temi legati all’esilio, all’addio, alla lontananza, alla deportazione accostandoli ai nostri giorni. Schwarz, Korngold e Zemlinski fuggirono dall’Austria negli anni Trenta mentre Ullmann fu internato a Theresienstadt per due anni e poi ucciso ad Auschwitz. Ne nasce un emozionante percorso, cangiante per stili ed epoche, in cui la musica spazia dal repertorio ‘colto’ al tango, fino alla musica popolare, utilizzando brani originali, trascrizioni e rielaborazioni.

La compagine della WKO è formata da un minimo di otto ad un massimo di quindici musicisti per portare la musica sinfonica e il teatro musicale dove normalmente un’orchestra non può arrivare, per ragioni logistiche, di budget o altro. La sua fisionomia è quella di un’“orchestra disidratata” pensata per esprimere tutti i “colori” e i “timbri” di una tradizionale, potendosi però dedicare, proprio grazie alla sua struttura agile e snella, allo studio e all’esecuzione delle partiture con la cura e la perizia proprie della musica da camera.

La WKO fa capo alla omonima associazione con sede a Pesaro presieduta da Stefano Gottin, la quale, dopo un anno dalla sua costituzione, conta oltre 100 soci residenti anche fuori regione, con la presenza di numerosi giovani. L’associazione ha lo scopo di portare la musica sinfonica e il teatro musicale dove normalmente un’orchestra tradizionale ha difficoltà a esibirsi per ragioni logistiche, di budget o semplicemente per la minor consuetudine di alcune fasce di pubblico per questa forma di espressione artistica. Grande impegno anche nella diffusione della “musica d’arte” tra i giovani mediante mirati progetti educativi, nonché nella promozione di iniziative attraverso le quali il “fare musica” abbia una precisa valenza sociale.

Info

Inizio concerto: ore 21.00

Biglietteria: tel. 059 2033010

 

Andreina Bruno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...