Paspa Pesaro Rugby, tutti i numeri di un super girone d’andata

 

 

 

PESARO – Undici vittorie su undici partite, 47 punti in classica, miglior difesa del girone e un primo posto solitario in serie B conquistato alla terza giornata e mai mollato fino all’11esima. Ecco, il bilancio della Paspa Pesaro Rugby alla fine del girone d’andata concluso domenica scorsa con la vittoria di Modena. Essere campioni d’inverno non dà la serie A, ma intanto suggerisce la strada: perché il copia-e-incolla al ritorno di una simile andata sarebbe già un bel viatico verso la meta con la M maiuscola.

In queste 11 partite la Paspa ha mostrato la miglior continuità non solo del suo girone, ma di tutte le 48 squadre di serie B. Negli altri tre gironi, Monferrato è infatti capolista con 9 vittorie e 2 sconfitte, i trevigiani del Rugby Paese con 10 vittorie e un pareggio, mentre i romani dell’Unione Capitolina (retrocessi dalla serie A assieme a Pesaro) hanno un percorso analogo alla Paspa, ma con una partita in meno: 10 vittorie su 10.

I numeri che contano sono però soprattutto quelli dei distacchi. La Paspa ha messo 3 punti fra sé e Livorno (che vanta anch’esso un super-percorso da 10 vittorie e una sconfitta: quella con Pesaro) e soprattutto 9 punti tra sé e il terzo posto: quello attualmente occupato dai toscani I Medicei. Il regolamento prevede infatti l’approdo diretto in serie A per la prima in classifica e l’appendice dei playoff per le seconde (dove agli spareggi salgono in A tre seconde su quattro). Arrivare terzi significa aritmeticamente restare in serie B.

La Paspa in questa stagione ha conquistato 8 vittorie da 4 punti e 3 vittorie col bonus da 5 punti (con Romagna, Arezzo e Civitavecchia). Statistiche alla mano, il punto di forza è nella difesa: che con 147 punti subiti è la migliore del girone. L’attacco risulta invece quarto con 260 punti dietro ai 323 di Bologna, i 280 di Romagna e i 263 di Livorno.

Il massimo di mete segnate da Pesaro in una partita si è registrato ad Arezzo: dove si è andati 6 volte in meta. Il massimo di mete subite: 4 in casa col Romagna. La partita col minimo di mete segnate (una) è anche quella col minimo di mete subite: zero nel 6-8 di Rieti. Il giocatore della Paspa che è andato più volte in meta è Smail Jaouhari: 5 volte. Mentre ben 61 punti sono arrivati da trasformazioni di meta, calci di punizione e drop scaturiti dal piede di Lyle Joubert, sebbene il mediano d’apertura sudafricano sia con la Paspa soltanto dalla settima giornata.

Girone d’andata archiviato e domenica scatta il ritorno dalla trasferta di Parma in casa dell’Amatori. Partita delicata perché di fronte ci sarà l’attuale quarta forza del girone capace e perché è il match che precede lo scontro diretto con Livorno del 18 febbraio.

 

Ufficio Stampa Pesaro Rugby

Daniele Sacchi (348.2851610)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...