Tanti pesaresi in questo periodo in visita alle due grandi mostre d’arte a Loreto e a Macerata

Le belle mostre d’arte attirano tanti pesaresi, come in questo lungo periodo di vacanze. E non vi è bisogno di fare tanti chilometri per vedere dei capolavori.

 

In questi giorni sono stati presi d’assalto i botteghini del Museo – Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto, per la mostra L’ARTE CHE SALVA – Immagini della predicazione tra Quattrocento e Settecento, a cura di Giuseppe Capriotti e Francesca Coltrinari. In mostra tante opere di Crivelli, Lotto e Guercino. Tre pittori che sono profondamente legati al territorio marchigiano, di mezzo. Ricordiamo la bellissima pala d’altare del Lotto a Recanati. Dall’inizio del XV secolo le Marche sono state teatro di una delle più grandi riforme dell’ordine francescano, quello dell’Osservanza. A partire dal folignate Paolino Trinci e poi il senese Bernardino da Siena e ovviamente Giacomo della Marca. Le valli marchigiane che seguono le vie del pellegrinaggio che da Loreto portavano ad Assisi e poi a Roma, sono state percorse da predicatori intensi e influenti. Nelle rappresentazioni di questi santi e beati si sviluppa un’iconografia particolare e riconoscibile attraverso caratteri condivisi e rappresentativi. Anche i dipinti, soprattutto del Quattrocento, su cui erano effigiati questi personaggi, hanno tipologie e funzioni particolari. Di centrale importanza, il legame inscindibile di Loreto con le vie dei pellegrinaggi; l’attrattività che il santuario mariano, non solo uno dei più importanti cantieri artistici d’Europa nel Rinascimento, ma anche centro propulsore attivissimo di spiritualità, ha da sempre portato viaggiatori, viandanti pellegrini e filosofi come Pascal.

 

 

La seconda mostra è a palazzo Bonaccorsi, Macerata, Musei civici, dal titolo CAPRICCIO E NATURA – Arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Percorsi di rinascita, a cura di Anna  Maria Ambrosini Massari e Alessandro Delpriori. La mostra nasce dal temporaneo trasferimento ai musei civici di Macerata dei dipinti della Chiesa di Santa Maria delle Vergini a Macerata, per un ripensamento completo di quel cantiere e del suo ruolo nello svolgere artistico nelle Marche alla fine del XVI secolo. Dallo straordinario punto di osservazione maceratese la visuale si apre poi ad abbracciare la pluralità affascinante di presenze artistiche nell’intera regione fra Cinque e Settecento. Illuminando entro un largo raggio quelle relazioni e quei riflessi che possano far emergere, nel contesto geografico del centro Italia, la densità artistica dell’area maceratese. Un panorama vivacissimo, proiettato sullo sfondo di una fase di profondi mutamenti che vanno dalla Maniera alla Natura, appunto, documentando protagonisti e comprimari, in pittura e scultura, da Taddeo e Federico Zuccari, da Francesco Brandani al Barocci, dall’eccentrico Andrea Boscoli al Tintoretto fino al seicento con il Cavalier D’Arpino maestro e mecenate nel primo soggiorno romano di Caravaggio. Una mostra da visitare per l’ampiezza e completezza delle tematiche.

 

Ma le due grandi mostre promosse da Regione Marche e Mostrare Marche – progetto di valorizzazione, avranno una continuazione nel 2018/19 con altre mostre: a Fermo nella chiesa di San Filippo con RINASCIMENTO A FERMO. PITTORI TRA ADRIATICO E APPENNINO DAL TARDOGOTICO A CARLO CRIVELLI

Fabriano nella chiesa di San Giovanni ORAZIO GENTILESCHI  CARAVAGGESCO ERRANTE LE MARCHE

Ascoli Piceno pinacoteca civica e sala Cola dell’Amatrice: COLA DELL’AMATRICE PITTORE ECCENTRICO TRA PINTURICCHIO E RAFFAELLO

Matelica valle del Chienti-Valle del Potenza: MILLEDUECENTO. CULTURA FIGURATIVA TRA MARCHE E UMBRIA AL TRAMONTO DEL ROMANICO.

 

Paolo Montanari

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...