La Paspa Pesaro Rugby vuol salutare l’anno con la ‘nona sinfonia’. C’è Civitavecchia per l’ultima del 2017 al Toti Patrignani

 

PESARO – Un Natale fa, la Paspa Pesaro Rugby festeggiava la sua prima storica vittoria in serie A: era il 18 dicembre 2016 e al Toti Patrignani i giallorossi la spuntarono per 12-5 sugli abruzzesi del Gran Sasso. Un risultato storico che dodici mesi dopo vede la Paspa appropinquarsi al Natale con un altro risultato che ha ben poco di ordinario: perché alla retrocessione dalla serie A ci si è rimboccati le maniche con il filotto di otto vittorie su otto partite.

Domenica 17 dicembre, la Paspa vuole congedarsi dal 2017 del Toti Patrignani suonando la sua “nona sinfonia”: «Chiudere vincendo è fondamentale per tanti motivi – analizza coach Nicola Mazzucato – innanzitutto perché non dobbiamo mai scordarci che ancora non siamo arrivati da nessuna parte. Basti guardare che se noi abbiamo vinto sempre, c’è comunque Livorno che ha perso solo con noi».

Tradotto: il campionato è apertissimo e non ammette ragionamenti prematuri a dicembre. In secondo luogo si è visto dopo la vittoria di Arezzo quanto sia fondamentale consegnarsi alla sosta con la gratificazione del risultato pieno: «Allora era la sosta di novembre, ora c’è quella natalizia – continua Mazzucato – ed è chiaro che dal punto di vista mentale la vittoria ti fa lavorare al meglio nelle pause. Domenica però mi piacerebbe chiudere questo 2017 con una prova totalmente convincente che, soprattutto a Pesaro, è spesso mancata. Vorrei che mostrassimo quei passi avanti di continuità negli 80 minuti su cui abbiamo lavorato»

Dopo la galvanizzante vittoria di Parma (vedi foto), l’avversario con cui accomiatarsi dal 2017 sono i laziali del Civitavecchia Centumcellae. Squadra in lotta per il mantenimento della categoria che, nel suo piccolo, è al suo miglior momento stagionale: con due vittorie consecutive in casa (con Arezzo e Florentia) che l’hanno trascinata dall’ultimo al quartultimo posto. Tre vittorie in tutto per Civitavecchia che, finora, ha sempre perso in trasferta: «Ma è una squadra molto pesante fisicamente – la descrive Mazzucato – ed è una squadra che sta crescendo dopo aver pagato all’inizio un’indisponibilità del terreno di gioco che l’ha costretta un paio di volte all’inversione di campo. Le partite cominciano sempre da 0-0 e noi dobbiamo guardare solo in casa nostra visto che finora siamo stati sempre e soltanto noi a fare il bello e il cattivo tempo».

Da agosto a Natale, Mazzucato non ha mai smesso di definire questa Paspa un cantiere aperto: «Perché non si finisce mai di lavorare su aspetti da perfezionare – spiega – basti dire che l’arrivo di Lyle Joubert ci permette ora di ragionare su una strategia di gioco al piede che finora avevamo dovuto evitare perché non era un bagaglio di abilità inviduali nelle nostre caratteristiche. Ben vengano i risultati ottenuti, ma sappiamo che nel 2018 possiamo lavorare su tanti altri miglioramenti». Contro Civitavecchia attenzione anche a qualche defezione perché sono in forte dubbio per problemi fisici sia Diego Antonelli che Rossano Fagnani.

Programma 9’ giornata (ore 14.30):

Paspa Pesaro – Civitavecchia Centumcellae

Amatori Parma – Romagna Centro

Giacobazzi Modena – Vasari Arezzo

Florentia – Toscana Aeroporti I Medicei

Livorno – Parma 1931

Arieti Rieti – Bologna

Classifica: Pesaro 34; Livorno 30; Bologna 27; Amatori Parma 26; Parma 1931 e T.A. I Medicei 24; Rieti e Romagna 17; Civitavecchia 11; Florentia e G.Modena 10; Arezzo 6

 

Ufficio Stampa Pesaro Rugby

Daniele Sacchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...