Il “bello stile” di Rossini e Raffaello per il rilancio turistico delle #Marche

 

 

 

E’ motivo di orgoglio per tutti il risultato storico del riconoscimento Unesco a Pesaro come “città della musica”. Negli ultimi tempi il territorio ha raggiunto obiettivi strategici grazie a un lavoro di squadra tra l’amministrazione comunale pesarese, il parlamento e il governo nazionale. E’ una grande opportunità, perché il prestigioso riconoscimento può essere un motore importate per la promozione turistica di Pesaro e dell’intera regione.
Il tutto avviene dopo l’approvazione della legge speciale sul “150esimo di Rossini” che si terrà nel 2018 e l’altra misura per la celebrazione del “500esimo dalla morte di Raffaello Sanzio” nel 2020. Entrambi i provvedimenti sono stati promossi e sostenuti con impegno dal Pd. Siamo alla vigilia di eventi di straordinaria importanza che devono aprirsi al territorio, anche con una sinergia tra pubblico e privato. Per questa ragione occorre dapprima una progettualità più forte tra la città di Pesaro e quella di Urbino, già Patrimonio dell’umanità, insieme alla Regione.

Gioacchino Rossini aveva un ramo della famiglia di origine urbinate, quello materno. E’ stato Pasquale Rotondi, inoltre, a riportare in uno dei suoi libri dal titolo “Il R. Istituto di Belle Arti delle Marche in Urbino”, il testo di una lettera rossiniana scritta da Parigi nel 1864 dove dichiara la sua ammirazione per Raffaello. L’occasione era la creazione dell’Istituto delle Belle Arti di Urbino dove Rossini aveva ricevuto il diploma di membro onorario insieme a tante personalità della cultura di tutta Europa.

Scrive Rossini rivolto a Raffaello: “Tu se solo Colui da cui appresi lo Bello Stile che m’ha fatto onore”. Così come l’amore per Urbino: “Patria di quel divino che fin dalla mia adolescenza ammirai, che poscia con amore studiai, più ancora dei miei classici musicisti”. Insomma, come ci ha ricordato anche Vittorio Emiliani in una bella pubblicazione promossa negli anni ‘90 dall’Accademia Raffaello e la Fondazione Rossini, Raffaello è stato “maestro” del giovane Rossini.

L’appello, pertanto, è quello di costruire una sinergia più intensa tra le due amministrazioni, Pesaro e Urbino insieme alla Regione, insieme al mondo della cultura, anche attraverso i due comitati, al fine di valorizzare ancora di più “il bello stile” di Rossini e Raffaello come volano di promozione turistica capace di far conoscere le Marche nel mondo.

#pesarourbino #wepesaro #pdpu

Giovanni Gostoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...