Scampoli di vita, ultimo diario fotografico esistenziale di Ermanno Pierpaoli

 

I fratelli Walter e Ermanno Pierpaoli

A 92 anni, lo scrittore fanese d’adozione, Ermanno Pierpaoli, non demorde, anzi già si promette di scrivere un nuovo romanzo, forse l’ultimo, vedremo. In ogni caso il 29 luglio presso la sede nautica dell’Assonautica di Pesaro alle 19,00, dopo il tradizionale concerto del mare, curato dal maestro Giuseppe Di Chiara, il presidente di Assonautica di Pesaro e Urbino, Paolo Morsiani, insieme agli amici del mare presenteranno, con ricordi e testimonianze, l’ultimo sforzo letterario di Ermanno Pierpaoli, SCAMPOLI …. DI VITA.
Ermanno Pierpaoli prima di divenire uno scrittore affermato, ha vissuto una vita intensa, piena di sacrifici e di buoni sentimenti. Nato a Milano da genitori marchigiani (la madre, di Recanati, conobbe Beniamino Gigli, di cui era dirimpettaia, e fu il suo primo amore), Ermanno Pierpaoli vive la sua gioventù nella sua città dove consegue il diploma di perito industriale con specialità areonautiche. E ancora oggi alla sua veneranda età, disegna modelli di aerei e alianti, che potrebbero tranquillamente volare. E agli amici più stretti fa vedere questi modelli, che sono autentici gioielli tecnologici, che potrebbero ben figurare in una mostra. Partecipa attivamente con il padre e la famiglia all’attivazione di una piccola fabbrica che alla morte del padre svilupperà con grande profitto, tanto da farla diventare prima in Europa. Ma accanto al lavoro vi è la famiglia, la moglie donna intelligente e fragile che gli darà tre figli, di cui uno, Norman seguirà la vocazione letteraria del padre. Poi l’attività sportiva intensa dal nuoto all’alpinismo, che vivrà intensamente come ufficiale degli alpini durante la seconda guerra mondiale, la guida sul vulcano Stromboli che gli ispirerà il romanzo Iddu l’amico. Infine la vela, sport che ha praticato fino a tarda età, insieme agli amici dell’assonautica pesarese, da Paolo e Vittorio Morsiani a Lucio, recentemente scomparso ed altri ancora. I suoi sette romanzi sono tanti amarcord narrativi, che Pierpaoli ora raccoglie con SCAMPOLI…DI VITA, un revival fotografico, lui lo definisce, ma chi gli è vicino, comprende che ha un significato affettivo più profondo. Ben 200 fotografie che raccolgono la sua vita di novantenne, che ha attraversato l’esistenza di ben tre generazioni. Una saga fotografica? No non è stato certamente l’intento di Pierpaoli, anche perchè la raccolta di immagini che già così strutturate indicano un percorso narrativo al lettore, sono arricchite da aneddoti e ricordi, talvolta anche sfumati, dell’autore, come quella del soccorso di un povero infreddolito nell’inverno milanese, a cui Herman, il nome originario che la madre di Pierpaoli voleva dare al suo amato figlio, dà in soccorso il suo cappotto e probabilmente gli ha salvato la vita.

Paolo Montanari

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...