Una buona lettura sul cinema sotto l’ombrellone

 

Tempo di vacanze e grande caldo. E che cosa non è meglio leggere due bei libri di cinema che la casa editrice Le Mani, ha pubblicato per il grande pubblico? Il primo dal titolo Anna Magnani – Un’attrice dei mille volti tra Roma e Hollywood, di Barbara Rossi, si propone di approfondire la figura di Anna Magnani attraverso la ricchezza di fonti giornalistiche e saggistiche, in particolare sull’esperienza hollywoodiana, fra la metà e la fine degli anni Cinquanta. Nei sei capitoli, di cui è composto il saggio, si vuole ricostruire una prospettiva storico ed artistica della parabola di Anna Magnani, dal suo lontano esordio nei teatri fino alla consacrazione, nel secondo dopoguerra, quale simbolo ed espressione del Neorealismo cinematografico italiano, per arrivare, infine, ormai al culmine del successo, all’assegnazione del premio Oscar con il film La Rosa Tatuata. Barbara Rossi storica e critica del cinema, si concentra in maniera specifica sugli anni e le pellicole hollywoodiane della Magnani, forse meno conosciute dal grande pubblico italiano, e che per le luci ed ombre che le contraddistinsero, rappresentarono un breve periodo della stagione ed esperienza americana della Magnani. Ma il saggio si propone anche una restituzione della figura attoriale di Anna Magnani attraverso i tre principali “macro-ruoli”, che hanno caratterizzato il suo itinerario artistico, sullo sfondo dell’evolversi della funzione dell’attore italiano e delle immagini del femminile nel cinema prima e dopo il secondo conflitto mondiale.

 

 

Il secondo libro si intitola Amori fatali – Grandi passioni fra cinema e realtà, ed Le Mani, scritto da Massimo Zanichelli e Ilaria Floreano. Un saggio non solo per gli amanti del cinema “serio”, ma anche per coloro che cercano le novità fra paparazzi e pettegolezzi nel mondo dello spettacolo. In particolare i due autori prendendo un arco temporale assai vasto, dalla Berlino degli anni Venti alla Parigi febbrile della Nouvelle Vague, dall’Italia del boom economico al cinema di Hollywood di ieri e di oggi, vengono raccontate le storie d’amore, talvolta impossibili di coppie celebri, davanti e dietro lo schermo, che hanno segnato l’immaginario collettivo intreccindo il set con la finzione e realtà. Il tutto condito da scandali e turbinose passioni. Vi sono le dark ladies più celebri del noir classico, l’amore fra Orson Welles e Rita Haywarth, fino al famoso triangolo Rossellini, Magnani e Bergman. Dunque uno spaccato di una realtà dietro o davanti al set, che difficilmente poteva coincidere con l’esistenza quotidiana anche dei divi ormai consacrati.

 

Paolo Montanari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...