Intestato a Ritz Ortolani il Giardino della Musica

Intestato a Ritz Ortolani il Giardino della Musica, ovvero il cortile di palazzo Ricci che, già alcuni anni fa, il consigliere regionale Andrea Biancani aveva utilizzato per la prima volta per i concerti Jazz, intuendo l’acustica dello spazio, un piccolo polmone verde nel centro storico, attiguo al Conservatorio Rossini. All’inaugurazione e all’intestazione al grande compositore pesarese erano presenti la moglie Katyna Ranieri che, al termine della manifestazione, ha fatto sentire, alla veneranda età di 90 anni, che ancora ha dei buoni acuti vocali, la figlia, il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, il vice sindaco e assessore alla Bellezza, Daniele Vimini, il sovrintendente del Rof Gianfranco Mariotti, il presidente del Conservatorio, prof.Giorgio Girelli, il direttore del Conservatorio, maestro Ludovico Bramanti, il dottor Raul Salucci presidente dell’Orchestra Sinfonica Rossini e direttore artistico della Fondazione Ritz Ortolani. L’assessore Vimini ha sottolineato che, per la valorizzazione del giardino della musica, si è pensato di dare il nome del maestro Ortolani, perché era un desiderio dello stesso valorizzare quel luogo. Ora che sono arrivati i fondi, confermati dallo stesso sindaco Ricci, si potrà valorizzare e ristrutturare palazzo Ricci che, in parte, sarà utilizzato per nuovi spazi per il conservatorio. Per il presidente Girelli, con il Giardino della Musica Ritz Ortolani si creerà dunque un collegamento fra Palazzo Olivieri e Palazzo Ricci. Quindi è toccato a Raul Salucci ripercorrere le principali tappe della vita artistica di Ortolani, nato a Pesaro nel 1926, diplomatosi in flauto presso il conservatorio Rossini e direzione d’orchestra. Nel 1962 esordio con la colonna sonora di Mondo Cane, con la celebre canzone More, cantata da Katyna Ranieri. Poi tante colonne sonore per film di De Sica, Zeffirelli, Pupi Avati e tanti altri importanti registi. Ortolani ha composto ben 300 colonne sonore e, fra le ultime composizioni, ricordiamo Sinfonia della memoria e Principe della gioventù, portato in scena dal regista Pier Luigi Pizzi, presente all’inaugurazione. Quindi è stata la volta di Katyna Ranieri a ricordare il marito, per cui continua a vivere. Un uomo dal carattere difficile, ma tutto legato alla famiglia e alla musica. Ha detto Katyna: “Sono contenta che il sogno di Ritz si è realizzato con la valorizzazione e recupero del Giardino della musica”. Per il presidente della Regione Luca Ceriscioli, le parole famigliari di Katyna, testimoniano ancora di più il legame di Ortolani con Pesaro e i pesaresi. Una grande famiglia che si è riunita per questo evento. E alla fine non poteva mancare la musica, con il maestro Gualandi e i suoi allievi del dipartimento Jazz del Conservatorio Rossini e l’inno a Pesaro, composto da Ortolani, eseguito dal coro del teatro La Fortuna di Fano diretto dal maestro Mirca Rosciani.
Poalo Montanari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...