Urbania, il formidabile chitarrista Scott Henderson al “Cortile D’Onore del Palazzo Ducale” di Urbania

 

Sabato a Jazz ‘in provincia  un mito della chitarra elettrica Fusion e Jazz –Rock

 

 

Urbania (PU) – Undicesimo appuntamento di Jazz ‘in provincia, la rassegna di musica di qualità nei teatri e luoghi storici del territorio. Organizzata da Fano Jazz Network, in collaborazione con gli assessorati alla cultura dei Comuni e le Istituzioni teatrali coinvolte, la rassegna rientra nel più ampio progetto regionale, Parco dei Teatri Jazz, che reca il marchio di Marche Jazz Network, polo associativo che riunisce Ancona Jazz, Fano Jazz Network , TAM – Tutta un’altra musica, e Musicamdo, ovvero le più significative realtà della regione.

Sabato 3 GIUGNO (ore 18,30), la rassegna farà tappa nel “Cortile d’Onore Di Palazzo Ducale” di Urbania, con uno straordinario appuntamento in esclusiva regionale, che vedrà all’opera il Trio di uno dei più rappresentativi musicisti contemporanei: il chitarrista statunitense Scott Henderson.

L’imperdibile appuntamento è organizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Politiche giovanili Comune di Urbania, e Associazione musicale il Barco .

Geniale chitarrista Fusion e Jazz-Rock, leader dei “Tribal Tech” e “sideman” di fiducia per influenti jazzisti quali Joe Zawinul (ricordate i Weather Report?), Chick Corea e Jean Luc Ponty, Scott Henderson torna in scena accompagnato dal batterista Archibald Ligonniere e di Romain Labaye.

Lo spettacolo sarà caratterizzato da una musica forte e curatissima nei dettagli, piena di contaminazioni e sperimentazione, complessa ed ermetica a tratti, ma anche più melodica e lineare in altri punti.

Henderson, con la sua carica e con i suoi fraseggi, varcherà di nuovo il confine tra jazz e blues, talvolta con ritmi arditi per velocità e contenuto, scivolando con naturalezza da una scala Jazz obliqua ad una Blues o Araba; talora da un bending assassino tirato in distorsione oltre il limite della sopportazione. Le atmosfere saranno arricchite da un delay corposo o un tapping frenetico, fino ad allentare la tensione con accordi più morbidi e meno criptici.

Scott e la sua chitarra che canta, urla, piange, corre e vive, sarà accompagnato da due fuoriclasse, componenti del trio, Romain Labaye al basso e Archibald Ligonniere alla batteria, entrambi protagonisti ritmici che, perfetti come gli ingranaggi di una macchina asseconderanno il leader e con lui costruiranno un intenso e perfetto interplay.

Nato neI 1954 a West Palm Beach in Florida, SCOTT HENDERSON inizia a suonare la chitarra all’ età di dodici anni, prendendo esempio ed ispirazione da maestri dello strumento quali: Jimi Hendrix, Jimmy Page, Ritchie Blackmore, Alfred e B.B. King. Frequentando il Palm Beach Community College e la Florida Atlantic University inizia ad avvicinarsi all’idioma jazz che diventa il suo interesse principale nel momento in cui si trasferisce al Guitar Institute of Technology di Los Angeles. Durante quest’ultimo periodo viene notato da Allan Holdsworth che lo presenta al violinista Jean Luc Ponty.

Seguono prestigiose collaborazioni quali quelle con l’Elektric Band di Chick Corea e il Joe Zawinul Syndicate (più di quattro anni con il mitico fondatore dei Wheater Report, assieme ad un altro grande, Wayne Shorter).

Il consacramento ufficiale di “stella del firmamento fusion” arriverà con la creazione dei “Tribal Tech”, nel 1984: al basso c’è Gary Willis, alla batteria e alla voce Kirk Covington e alle tastiere Scott Kinsey.  Una band che lascia ampio spazio all’ improvvisazione e mette in mostra un sound originale e ricco di riferimenti fusion-elettro-jazz-blues. Con questa formazione Henderson ha inciso dieci albums dei quali uno (Face First, BlueMoon Records) è stato votato dalla rivista “Pulse!” miglior disco fusion del 1993. Subito dopo questo riconoscimento avviene l’inaspettato e sorprendente cambio di rotta.

Nel 1991 viene eletto da “Guitar World” come il chitarrista jazz n. 1 al mondo e nel gennaio del 1992 viene nominato n. 1 da “Jazz Guitarist” nella selezione annuale dei lettori.

Nel 1994 torna alle sue passioni più giovani: quasi per gioco registra “Dog Party” (1994, Mesa Records) insieme alla leggendaria vocalist Thelma Houston ed è un lavoro prettamente blues, anch’esso premiato all’unanimità dalla critica del settore.

Convinto da tanti consensi sceglie di approfondire la sua esperienza in questo campo incidendo “Tore Down House” (1997, Mesa Records), granitica raccolta dove il meditato e sofferto sound del Delta incontra quello più brioso e ruvido del Texas. Proprio in questi anni intraprende una lunga tourneé di tre anni insieme al bassista John Humphrey e al batterista dei Tribal Tech Kirk Covington con i quali propone brani dal suo repertorio blues e jazz.

Altro progetto artistico di questo periodo è “Vital Tech Tones”, trio composto anche dal bassista Victor Wooten e dal batterista (ex Journey/Vital Information) Steve Journey, con il quale realizza due album.

L’ultimo cd in studio della “Scott Henderson Blues Band” è del 2002, inciso per la tedesca Esc Records; si intitola “Well to the Bone” e conferma, laddove ce ne sia bisogno, la straodinarietà e poliedricità di questo musicista, così come quella dei suoi collaboratori Covington e Humprey. E’ un ritorno alle radici del blues, ma non mancano omaggi anche al rock ’60-’70 e al jazz, evidenziando così la facilità dell’artista nel destreggiarsi con spontaneità ed efficacia tra espressioni più tecniche ed altre maggiormente ruvide.

Nel 2005 esce per l’etichetta Olandese Mascot Records il primo CD DAL VIVO del Trio intitolato “SCOTT HENDERSON LIVE” .

L’etichetta Columbia ha prodotto due video didattici “Jazz Fusion Improvisation” e “Melodic Phrasing”. Scott Henderson Guitar Books, è invece una collezione di trascrizioni di alcune sue composizioni ed è disponibile tramite Hal Leonard Publishing.

SCOTT HENDERSON cresce in bilico tra il jazz, da cui ha assimilato la tecnica ed il gusto, ed il rock, da cui trae la sua inesauribile energia e potenza.

Nelle Logge del “Cortile d’Onore del Palazzo Ducale” dalle 18 Jazz&Wine Experience, aperitivo a cura dell’Osteria El Pignatin a € 5,00.

Posto Unico: intero 15,00 euro–ridotto 13,00 euro (under 25, over 65, possessori MJC, App 18).

Info & Prevendite

Fano Jazz Network: Cell. e Wathsapp 388 6464241-Tel. 0721 584321.
mail: info@fanojazznetwork.org http://www.fanojazznetwork.it

Prevendite on line : www.liveticket.it

Jazz ‘in provincia

Adriano Pedini: Direzione Artistica

Claudio Salvi: Ufficio Stampa  

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...