Grande successo per il Concerto Ossequio in canto nel Santuario della Madonna delle Grazie di Pesaro

 

 

 

 

E’ stato un successo incredibile quello che si è avuto nella bella location del Santuario della Madonna delle Grazie di Pesaro. Dieci minuti di applausi e relativo bis, con il pubblico in piedi per il concerto Ossequio in Canto nell’ambito della programmazione del Santuario B.V. delle Grazie e, in particolare, del fondatore del coro della Madonna delle Grazie e direttore dello stesso coro, Padre Roseto e del priore, presente in chiesa, padre Luciano. Il concerto è stato organizzato dall’International Opera Studio di Pesaro, diretto dal soprano greco Inga Balabanova, che per l’occasione ha diretto i solisti dello IOSP, il coro della Madonna delle Grazie e I Cameristi S.Maria delle Grazie di Pesaro. Un programma di arie sacre famose come Ombra mai fu, da Serse di Haendel in cui il mezzosoprano Diana Volkova ha evidenziato tonalità fra il piano e l’alto caratteristico della musica di Haendel. E’ stata la volta di Exultate jubilate di Mozart con il brano Alleluja, cantato dal soprano Inna Bodrenkova. Qui si sono succedute sonorità vocali tipiche del Mozart sacro. Poi si è passati ad un compositore moderno, Stradella, di cui il soprano Vasiliki Konstanti ha cantato la struggente Pietà Signore. Quindi una perla della musica sacra di ogni tempo il Pie Jesu dal Requiem di Faurè, cantato in maniera sublime dal soprano Inna Bodrenkova, che ha aggiunto alla interpretazione vocale-musicale una forte tensione emotiva e poetica. Quindi di nuovo Haendel con il Dignare dal Dettingen Te Deum in re maggiore con l’interpretazione del mezzo soprano Diana Volkova. E’ seguita una delle arie sacre più eseguite con ambiente liturgico, l’Ave Maria di Giulio Caccini, che in realtà è l’Ave Maria di V.Vavilov cantata con pathos dal soprano Vasiliki Konstanti. Quindi la potenza vocale e drammaturgica che contraddistinguono le interpretazioni del soprano Elena Prybyliuk, con l’Intermezzo del IV movimento dell’Agnus Dei dall’Arlesiana di Bizet. L’unico cantante italiano, il basso baritono Davide Pascucci ha presentato la celebre Ave Maria di Schubert, mentre il giovanissimo basso russo Sergei Morozov, una autentico talento in crescita, ha interpretato molto bene la celebre Ave Maria di Bach-Gounod. Quindi un’altra perla della musica lirico-sacra l’Intermezzo Ave Maria da Cavalleria Rusticana di Mascagni interpretata mgistralmente dal soprano ucraino Elena Prybyliuk. Infine, l’apoteosi con la Preghiera di Mosé Dal tuo stellato soglio dal Mosé in Egitto di Rossini con i solisti Sergei Morozov, basso, e Elena Prybyliuk, soprano, il coro dei solisti dello IOSP e il coro S.Maria delle Grazie di Pesaro. Un equilibrio musicale perfetto diretto con maestria da Inga Balabanova. Il coro S.Maria delle Grazie di Pesaro diretto da padre Roseto Maria Saccà ha dato ancora una volta dimostrazione di crescita e maturità musicale. E’ già stato annunciato il prossimo appuntamento musicale nell’ambito della programmazione Santuario Madonna delle Grazie e Iosp, che sarà il 4 giugno alle ore 21,15 pressoil cortile interno del Convento in via Baldassini 1, con un concerto lirico della Masterclass tenuta dal celebre tenore Maestro William Matteuzzi.

Paolo Montanari 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...