ANCHE IL COMUNE DI PESARO HA UN SUO TESORETTO QUASI 15 MILIONI DI € DA INCASSARE

PESARO – Circa 15 milioni di € di residui attivi (crediti da incassare) che il Comune di Pesaro ha accumulato in questi anni, un tesoretto che di fatto “tiene la baracca a galla”, perché entrano nelle spese correnti, non si possono investire e servono per pagare stipendi, premi, produttività e fornitori, ma solo quelli che non fanno opere pubbliche, quelli sono schiacciati dal patto di stabilità.

Ecco il risultato di una recente commissione Bilancio nella quale si è cercato di sviscerare il tema dei residui, quelli passivi, i debiti del comune, sono sempre onorati in tempi rapidi quelli nella spesa corrente, che ha lasciato solo un dato inquietante: di questo “tesoretto” l’unico utilizzo è per la spesa corrente, cioè non può essere utilizzato per le strade o per investimenti e questo è davvero un peccato.

C’è un però che l’Assessore, assente dalla commissione, non può sottovalutare.

La somma che si è accumulata in questi anni, potrebbe non essere riassorbita con perdite che potrebbero raggiungere anche il 40%, a causa dei tempi lunghi di riscossione.

Ecco, questo elemento è la vera negatività sui residui attivi. Ci sono crediti che risalgono ad oltre i 5 anni e che sicuramente in parte non potranno mai più essere riscossi.

Ecco che in questo caso la politica e gli uffici dei servizi possono fare di più. Ad esempio non è ammissibile che vi siano oltre 700.000 € di crediti esigibili dai servizi educativi, negli ultimi 5 anni quando i cicli educativi sono di circa 3 anni.

Anche se fossero “solo” 500.000 € , queste risorse potrebbero essere utilizzate per i materiali di consumo, per l’attività didattica, per rinnovare i piccoli giochi o materiali morbidi per l’attività didattica, per non dire per fazzoletti, carta, bicchieri che spesso vengono chiesti ai genitori oltre a 40 € di contributo volontario a famiglia all’anno.

Solo con questa cifra nelle scuole materne comunali circolano circa 40.000 € all’anno, che potrebbero essere coperte dal comune se solo riscuotesse tutto e subito.

I vari assessori continuano a ripeterci che non ci sono i soldi per intervenire anche con importi ridicoli come 4000,00 € , per questo non sono credibili.

È evidente che la crisi di questi anni ha contribuito ad aumentare l’insolvenza da parte delle famiglie, ma allora il fondo anticrisi di 170.000 € a cosa serve? Siano i servizi stessi ad indirizzare le famiglie ad attingere da questo fondo che sarebbe giusto rimpinguire fino a 250.000 € così come mi fu negato in fase di bilancio preventivo.

Alessandro Di Domenico, Consigliere Comunale P.d.L., Presidente Commissione Bilancio

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.